fbpx
27 FEBBRAIO - News / Viaggi

Viaggiare con il Coronavirus: tutto quello che c’è da sapere

Scritto da:

Tutte le informazioni necessarie per chi ha prenotato un viaggio

Silvia Ceriegi, blogger di viaggi (suo il portale www.trippando.it), nei giorni scorsi è stata contattata da numerosi lettori che chiedevano consigli e raccomandazioni su cosa fosse meglio fare e non fare.

Per rispondere in modo chiaro ed esaustivo a tutti i dubbi e le domande ricevute, Silvia si è documentata attraverso le fonti ufficiali, e ha fatto chiarezza sui comportamenti da adottare, sui rimborsi previsti in caso di annullamento di viaggio e anche sulle gite scolastiche, attualmente sospese in tutta Italia.

Con l’avvento del Coronavirus sono nate forti preoccupazioni per i viaggi. Spostarsi sì o no?

  • ci sono delle restrizioni (per esempio l’Italia ha bloccato i voli da e per la Cina, ma altri Paesi, da quando sono sorti dei focolai anche in Italia, hanno interrotto i voli o creato dei “cuscinetti” per i viaggiatori provenienti dal nostro Paese).
  •  ci sono dei divieti (per esempio le gite scolastiche sono state tutte sospese).
  • C’è la paura. Molte persone non vogliono partire per paura di dover stare in quarantena nel posto di vacanza, di ritrovarsi in aeroporto col volo annullato, per paura di avere poi problemi al momento del rientro in Italia.

È tutto normale, in questa situazione straordinaria, chiamata emergenza da COVID – 19. Personalmente, sono sempre positiva e penso sempre a partire, ma è ovvio che occorre seguire le direttive fornite dal Ministero della Salute (in costante aggiornamento visitando il sito web www.salute.gov.it).

In questi giorni ho studiato molto l’argomento, perché avendo un blog di viaggi in molte persone si sono rivolte a me chiedendomi consigli su cosa fare o non fare.

Riassumo i consigli in questo articolo, che aggiornerò se necessario.

Partire o no a causa del Coronavirus?

La psicosi non fa bene a nessuno: occorre stare calmi e consultare il sito ufficiale del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale: www.viaggiaresicuri.it. In homepage si trova il “Focus COVID -19”, che vi consiglio di leggere; in alto a sinistra si trova il “Cerca Paese”: cliccandoci sopra vi apparirà una pagina con tutti gli stati del Mondo. Basta cliccare sopra la bandierina del Paese verso il quale volete (o dovete) andare, per capire se quel Paese ha, nei
confronti del nostro, delle restrizioni o meno. I Paesi che stanno attuando delle misure restrittive di controllo nei confronti dei cittadini Italiani hanno ben in vista un banner arancione con la scritta “COVID – 19” e tutte le specifiche. Fatta questa verifica, potrete decidere con cognizione di causa se partire o no.

Decido di non partire a causa di COVID – 19: come ottengo il rimborso?

Se decidete di non partire (o ne siete costretti) a causa del Coronavirus, potete trovarvi in uno dei seguenti casi, differenti gli uni dagli altri.
Rimborso Coronavirus per prenotazioni di soggiorno dirette negli hotel. Se avete prenotato un soggiorno direttamente all’hotel o al B&B, sta al buon cuor dell’albergatore rimborsarvi l’eventuale caparra o meno. Essendoci una situazione di emergenza, credo che ci vorrebbe un po’ di comprensione. Ho letto status di amici che hanno ricevuto email estremamente comprensive da parte dei loro host. E, naturalmente, non vedono l’ora di riprogrammare il viaggio appena passa questo periodo di emergenza.

Rimborso Coronavirus per prenotazioni di soggiorno attraverso portali online
Gran parte dei portali online ha la cancellazione gratuita, per cui anche in questo caso dovreste riuscire a ottenere il rimborso senza grossi problemi.

Rimborso Coronavirus per prenotazioni di voli
Al momento le compagnie aeree non hanno ancora offerto rimborsi a chi decide o è costretto a rinunciare a un viaggio a causa del Coronavirus. Non ho la palla di vetro, anche se mi sono fatta una mia idea. Però vi segnalo il modulo di richiesta rimborso del Codacons: https://codacons.it/coronavirus-eventi/

Rimborso Coronavirus per prenotazioni di treni
Con Trenitalia e Italo, tutto è più facile, se avete prenotato il vostro viaggio entro il 23 febbraio. Ho descritto le modalità per ottenere il rimborso dei treni per viaggi annullati per Coronavirus sia per Trenitalia che per Italo nell’articolo Coronavirus: rimborsi per chi non parte sui treni Trenitalia e Italo.

Coronavirus: rimborsi per chi non parte sui treni Trenitalia e Italo

Rimborso Coronavirus per gite scolastiche annullate
Anche sulle gite scolastiche, che sono state sospese almeno fino all’8marzo per tutte le scuole di tutta Italia ho scritto un articolo dedicato: Gite scolastiche annullate per Coronavirus: come chiedere i rimborsi.
https://www.trippando.it/gite-scolastiche-annullate-per-coronavirus-come-chiedere-i-
rimborsi/

Rimborso Coronavirus per crociere

Le crociere sono un mondo a sé stante. Alcuni casi di COVID -19 sono stati riscontrati anche a bordo di navi da crociera e sono state tempestivamente adottate politiche di contenimento. Se avete in programma una crociera nell’immediato e decidete di rinunciarvi, vi segnalo il modulo di richiesta rimborso del Codacons: https://codacons.it/coronavirus-eventi/

Articoli correlati: