the-last-bookstore-libreria-los-angeles
03 LUGLIO - Viaggi

The last bookstore, la libreria labirinto situata nel caveau di una banca

Scritto da:

Simbolo di resilienza in un mondo sempre più digitale, l’affascinante The last bookstore è la libreria indipendente che non dovete perdervi a Los Angeles

 

The last bookstore libreria los angeles

 

Di librerie particolari e magiche se ne trovano un po’ in tutto il mondo (ad es. El Ateneo Grand Splendid a Buenos Aires o la Livraria Lello a Porto). Una di queste è situata a Los Angeles, e merita assolutamente una visita da parte degli incalliti bibliofili. Si tratta di The last bookstore, una libreria indipendente fondata nel 2005 da Josh Spencer. Inizialmente situata in un loft losangelino, è divenuta una vera e propria (piccola) libreria nel 2009 spostandosi tra la 4th e la Main street, fino al trasloco all’attuale indirizzo 453 South Spring Street, dove ha acquisito velocemente celebrità. Il perché è dato proprio dalla location che la ospita. The last bookstore sorge infatti all’interno di quella che per oltre 70 anni è stata una banca, compreso il caveau.

Grande circa 2000 m², è oggi la più grande libreria di volumi nuovi e usati della California. Al suo interno tuttavia non vengono venduti non solo libri, ma anche dischi in vinile. Senza tralasciare la sua attività legata agli eventi letterari, musicali e teatrali che vengono qui ospitati regolarmente.

Leggi anche: Viaggi e letteratura: 8 hotel in cui alloggiare se amate i libri

 

View this post on Instagram

Weekends are for cozy book shopping ! 🤫

A post shared by Last Bookstore (@lastbookstorela) on

 

The last bookstore incoraggia la vendita e la compravendita di libri e dischi, allo scopo di «mantenere vivo il business della carta e dell’inchiostro in un’era di e-reader e download digitali». I volumi presenti all’interno dello store sono circa 400mila, scritti in più lingue e di più generi, anche se l’orrore e il mistero e la fanno da padrone tra i titoli proposti.

La libreria attira turisti e curiosi, pronti a immortalare con la macchina fotografica gli affascinanti corridoi e scaffali di The last bookstore, non a caso soprannominata “il labirinto”. I visitatori vengono infatti accolti da libri appesi, libri sospesi in volo come se eruttassero dagli scaffali, libri che vanno a costituire dei veri e propri tunnel, stanzette nascoste, ma anche oggetti d’arte.

Sul sito ufficiale si legge una triste verità: «Cosa state aspettando? Non saremo qui per sempre». Le librerie indipendenti sono in declino, causa le vendite online e il dominio sul mercato delle grandi catene, rendendo il nome The last bookstore (scelto con ironia) sempre più vicino a un probabile futuro. Se volete visitarla e supportarla, dunque, sbrigatevi!

 

View this post on Instagram

Metro riders, we welcome you! 🚃📚 #Repost @metrolosangeles ・・・ Hot out? Spend some time indoors with a good book. Visit the Last Bookstore: take the Red or Purple Line to Pershing Square Station, or hop on Metro Bus 16 to 5th and Spring. ▫️ Photo 📸 @briandaoo ▫️ #GoMetro #LoveMetroLA #indiebookstore #dtla

A post shared by Last Bookstore (@lastbookstorela) on

Articoli correlati: