30 NOVEMBRE - Viaggi

I Mercatini di Natale da visitare: dall’Austria all’Italia

Scritto da:

Con il periodo natalizio sono tante le attività da fare

Come ogni anno, con l’avvicinarsi del Natale, arrivano i mercatini con leccornie e non solo. Su tutti sono celebri e rinomati quelli dell’Austria.

IN TIROLO  – Innsbruck e Seefeld

Dal 15 novembre al 6 gennaio i cinque mercatini di Natale che animano 6 luoghi di Innsbruck con oltre 200 bancarelle e un albero di cristallo alto 14 metri, attendono gli appassionati delle atmosfere natalizie. Le bancarelle sono circondate dall’eleganza cittadina e dall’impressionante scenario alpino. Ecco dove trovarle: davanti al Tettucio d’oro, sulla piazza del mercato, nella via Maria-Theresien-Straße, nel quartiere Wilten e in alto sulla Nordkette. Tra gli eventi che vanno in scena nel centro storico durante il periodo dell’Avvento, tutti i giorni dal 15 novembre al 23 dicembre: rappresentazioni di favole, fiati dal Tettuccio d’Oro; esibizioni della Scuola di Musica d’Innsbruck.

Seefeld, in montagna, ha un mercatino piccolo e raccolto: dal 30 novembre (fino al 6 gennaio) una ventina di bancarelle tirolesi in legno propone dalle specialità più golose fino all’artigianato regionale, con il sottofondo dei musicisti Seefelder Weisenbläser. Nella Bastelstube (spazio creativo) i bambini realizzano a piacere regali e addobbi natalizi, o scrivono una lettera a Gesù bambino nell’“ufficio postale degli angeli”. Il piccolo centro storico pedonale diventa un intimo presepe dove sorseggiare il tipico the speziato e assaporare l’atmosfera alpina del Natale.

SALISBURGO

 Nel Salisburghese che quest’anno festeggia il bicentenario della famosa canzone “Astro del Ciel”, tradotta in più di 140 lingue, i mercatini sono tantissimi. Salisburgo ad esempio conta una decina di mercatini, come il Mercato di Gesù Bambino che si svolge nella Domplatz e nella Residenzplatz, oppure quello a Hellbrunn, a Mirabellplatz, situato nelle immediate vicinanze del Giardino di Mirabell, oppure lo Sternadvent nello Sternbräu e all’Avvento sulla panoramica Fortezza Hohensalzburg.

CARINZIA – Wörthersee, Villach e Klagefurt

Anche la Carinzia si presenta in veste natalizia con numerosi mercatini: le sponde dell’incantevole lago Wörthersee sono animate dal „villaggio del lago „che è tra i punti d’attrazione a tema dell’Avvento e rappresenta il palcoscenico principale dei concerti d’Avvento della Carinzia. Anche quest’anno, lo „Stiller Advent“ lungo la passeggiata è accompagnato dallo scintillio del „Kristall-Advent“ allestito sulla piazza Monte Carlo e lungo la via principale addobbata a festa con le tipiche botteghe della Carinzia che presentano l’artigianato locale. La musica si diffonde per le strade, i canti dei cori e delle bande musicali riempiono le sponde del lago di festosa allegria. Durante l’Avvento, Villach si riempie di magia, convivialità e sorprese: migliaia di lampadine fanno luccicare le strade, i negozi e i mercatini.

A Klagefurt più di 50 deliziose bancarelle ravvivano la piazza davanti al comune: gli artigiani che presentano i loro preziosi manufatti sono lieti di dare il benvenuto ai visitatori in questa intima cittadina della Carinzia dal fascino rinascimentale.

Oltre i classici mercati di Milano o Bolzano in Italia è imperdibile la cittadina termale di Levico in Trentino Alto Adige.

Dal 24 novembre  il Grand hotel Imperial di Levico Terme, storica residenza degli Asburgo, è già entrato nel clima natalizio; l’hotel situato proprio nel parco asburgico, è al centro degli eventi. Il parco è il più grande parco recintato di tutto il Trentino, con centinaia di alberi secolari, accanto ai quali, durante l’Avvento 60 bellissime bancarelle propongono deliziosi e tipici regali di Natale.

Da non perdere è anche la sfilata principesca dell’intera corte asburgica che il 24 novembre apre le danze con una coloratissima e solenne cerimonia in preziosi costumi storici: ecco l’apertura ufficiale del bellissimo Mercatino di Natale Asburgico che rievoca i tempi passati, quando l’Imperatore Francesco Giuseppe elevò Levico Terme al rango di città (1894).

Il mercatino, con le sue caratteristiche casette propone oggetti d’artigianato e prodotti locali, un’atmosfera 100% natalizia, con l’allure “asburgica”. Un ricco programma offrirà momenti musicali, spettacoli pirotecnici e feste gastronomiche all’insegna di polenta, formaggi di malga e miele. Precisamente: la Festa della Polenta del 2 e del 16 dicembre, la Festa del Formai di Malga del 25 novembre e del 9 dicembre, la Festa del Miele del 7 dicembre e quella della Patata del 8 dicembre.

Un altro appuntamento particolarmente atteso è quello del Simposio “EncontrArte”, che vede una selezione di scultori del legno riportare in vita l’artigianato tradizionale con statue a grandezza naturale. Le opere andranno ad unirsi alle figure della Natività scolpite durante le precedenti edizioni, che saranno esposte in piazza della Chiesa per tutta la durata del Mercatino. In occasione delle aperture serali fino alle 22.30 del Mercatino dell’1, 8 e 15 dicembre sono previsti momenti di grande spettacolo che terranno tutti con il naso all’insù per ammirare i fuochi artificiali all’interno del Parco. Altre usanze levicensi si ripeteranno durante la serata del 31 dicembre con la fiaccolata dei quartieri, il processo teatrale di fine anno e il tradizionale appuntamento “Brusar la Vecia”. Le casette nel Parco Secolare degli Asburgo chiuderanno i battenti il 6 gennaio, con la sfilata finale della Befana, che arriverà in sella al suo asinello con un sacco pieno di regali.

L’hotel e il meraviglioso parco sono stati progettati e realizzati come un tutt’uno alla fine del diciannovesimo secolo. “Una residenza imperiale deve avere un parco imperiale” pensò l’architetto Georg Ziehl di Norimberga alla fine del secolo scorso, e, così, progettò la residenza degli Asburgo.

Per rilassarsi e sentire il tepore di un sano riposo, c’è l’area wellness dell’hotel, con una piscina coperta molto luminosa, una vasca idromassaggio, sauna finlandese e bagno turco. Un menu di trattamenti beauty & wellness invita gli ospiti a rilassarsi tra massaggi e trattamenti esclusivi. In questa location fiabesca, la cucina è all’altezza della dimora: ricette sane e leggere, ricche di sapori.

Le stanze del Grand Hotel Imperial sono luoghi senza tempo, impregnati di storia e di antichi splendori, di fascino e di magia. Pavimenti in legno, pareti in marmo, arredi raffinati che richiamano lo stile austro-ungarico. Le 81 stanze sono in parte arredate con mobili d’epoca, dispongono di terrazzi e balconi. La Sissi Suite è certamente quella più speciale: arredamento regale, dettagli principeschi e atmosfera d’altri tempi. Qui si dorme da principi e i “sogni d’oro” sono assicurati. A due passi dal mercatino natalizio, tutto diventa ancora più romantico.

 

Articoli correlati: