fbpx
gite-fuori-porta-lazio
08 GIUGNO - Viaggi

Gite fuori porta: 6 affascinanti siti da visitare che hanno riaperto nel Lazio

Scritto da:

Se dopo il lockdown dovuto all’emergenza Coronavirus siete in cerca di luoghi naturali o culturali in cui recarvi nel Lazio, ve ne segnaliamo alcuni imperdibili che hanno ricominciato ad accogliere i visitatori

 

Palazzo Farnese

View this post on Instagram

Sabato 30 e Domenica 31 maggio si replica! Apertura del Palazzo e dei giardini dalle 9,00 alle 20,00. Ultimo ingresso ore 18,45. Il parco chiude un'ora prima del tramonto. Seguendo le regole del distanziamento e indossando la mascherina, potrete godere in piena sicurezza delle belle sale del palazzo e degli splendidi giardini. Buona visita! #ripartenza #andràtuttobene #iovadoalmuseo #museiaperti #palazzofarnese #palazzofarnesecaprarola #caprarola #Farnese #museitaliani #visit_lazio #igerslazio #visit_caprarola #beniculturali #giardinistorici #historicalgardens #giardini #villafarnese #Tuscia #borghipiubelliditalia #borghitalia

A post shared by Palazzo Farnese Ente pubblico (@palazzofarnesecaprarola) on

Costruita per la famiglia Farnese, questa splendida villa è nello specifico una dimora signorile rinascimentale che sorge a Caprarola. Il progetto originale fu commissionato ad Antonio da Sangallo, ma vi lavorò anche Baldassare Peruzzi. In seguito tuttavia al cambio di committente e scopo, il completamento dei lavori – datato 1575 – porta la firma di Jacopo Barozzi da Vignola. Quella che doveva inizialmente essere una fortezza, divenne così uno sfarzoso palazzo, la cui forma esterna pentagonale venne mantenuta, a differenza del cortile interno che fu reso circolare. Vennero poi aggiunte terrazze e giardini, due larghe scalinate, affreschi nelle stanze.

Dal 23 maggio il Palazzo Farnese ha riaperto stabilmente ogni sabato e domenica, con l’obbligo di seguire le regole di distanziamento sociale e di indossare la mascherina.

 

 

Parco dei Mostri

mete-fiabesche-da-visitare-in-Italia-bomarzo

 

Denominato anche Sacro Bosco o Villa delle Meraviglie di Bomarzo, si trova in provincia di Viterbo. Progettato nel 1552 dall’architetto e antiquario Pirro Ligorio su commissione del principe Pier Francesco Orsini, questo complesso monumentale è caratterizzato da sculture in basalto ritraenti animali mitologici, divinità e mostri che appartengono al genere grotesque. Tra simboli, temi antichi della letteratura rinascimentale e architetture impossibili come la casa inclinata, il parco incanta ancora oggi per il suo unicum architettonico e il mistero fuori dal tempo.

Dal 18 Maggio il Parco ha riaperto con orario dalle 9.00 alle 17.00 con prenotazione al numero 0761.924029.

 

 

Bosco del Sasseto

View this post on Instagram

#boscodelsasseto #nature #torrealfina #gerusalemmeverde #discovery #wood #hiking #welcometothejungle

A post shared by Bosco del Sasseto🌳 (@_boscodelsasseto_official) on

Luogo suggestivo, spesso scelto come location cinematografica, il Bosco del Sasseto è una foresta vetusta in cui la biodiversità di flora e fauna convive pacificamente. Alberi centenari, manti di muschi e felci e fioriture primaverili rendono bosco e sottobosco un piacevolissimo luogo in cui passeggiare. Il bosco e il giardino storico sono di proprietà del Comune di Acquapendente. Dal 2006 il bosco è inoltre un’area protetta in virtù del suo essere Monumento Naturale, a cui si può accedere tramite prenotazione e biglietto che danno diritto a una visita accompagnata.

Per prenotare la visita al Bosco del Sasseto i contatti sono: email boscodelsasseto@comuneacquapendente.it; numero di telefono 0763-719206 o 388 8568841.

 

 

Castello Ruspoli

View this post on Instagram

Buongiorno dall’alto 🇮🇹✨ . #castelloruspoli #vignanello #tuscia #garden #italy #lazio #destinationwedding #family #ruspoli #castle

A post shared by CASTELLO RUSPOLI (@castelloruspoli) on

Situato a Vignanello, il castello – inizialmente una rocca fortificata – fu a lungo oggetto di disputa. Fino a quando nel 1531 Papa Clemente VII lo donò a Beatrice Farnese Baglioni, la cui figlia Ortensia portò il castello in dote ad Ercole Sforza Marescotti, trasformando la rocca in una residenza. Quando poi l’ultima ereditiera della famiglia Ruspoli, Vittoria, si sposò con Sforza Vicino Marescotti, i nomi delle due famiglie vennero incorporati.
Da ammirare sono soprattutto i giardini in stile rinascimentale, la cui realizzazione risale al 1611 per volere di Ottavia Orsini e considerati tra i più importanti in Italia. Oggi il castello consente non solo visite guidate, ma anche l’organizzazione di eventi culturali e privati.

Il castello Ruspoli dal 6 giugno riapre per le visite guidate al giardino e al parco tutti i tutti i fine settimana e i festivi, con prenotazione necessaria (Email: info@castelloruspoli.com, Whatsapp: 328 203 8776).

 

 

Giardino di Ninfa

View this post on Instagram

🔴Un voto per il Giardino di Ninfa! Gli amici di @visit_lazio hanno organizzato sulla loro pagina Facebook un contest sulla valorizzazione del patrimonio culturale del Lazio. Oggi tocca a noi in una simpatica partita con un’altra bellezza del territorio regionale. Avete 48 ore di tempo per esprimere la preferenza semplicemente cliccando sulla foto (sapete già quale foto, vero?😎). Condividete e girate a tutti gli amici di Ninfa! Link alla pagina Facebook @visit_lazio in bio. – #iorestoacasa #andratuttobene #laziodellemeraviglie #distantimavicini #giardinodininfa #oasidininfa #ninfagarden #gardenofninfa #ninfa #giardinidininfa #caetani

A post shared by Giardino di Ninfa (@giardinodininfa) on

Nonostante il nome, della scomparsa cittadina medioevale di Ninfa nel giardino oggi rimangono soltanto ruderi, che però ne accrescono il fascino. Situato nel comune di Cisterna di Latina, il Giardino di Ninfa è un tipico giardino all’inglese, iniziato da Gelasio Caetani nel 1921. Attraversato da ruscelli e dal fiume Ninfa, al suo interno ospita oltre un migliaio di piante provenienti da tutto il mondo, che soprattutto quando sono in fiore regalano un meraviglioso spettacolo naturale.

Il Giardino ha riaperto alle visite (solitamente possibili da aprile a ottobre), su prenotazione. Per scoprire come visitarlo di questi tempi vi invitiamo a consultare il sito ufficiale.

 

 

Villa d’Este

View this post on Instagram

Proporzioni e simmetria sono aspetti davvero importanti in tutta #VilladEste #Villae #MIBACT #museo #museum #picoftheday #photooftheday #art #arte #museiitaliani #cultura #musei #culture #history #arthistory #Travel #traveling #travelphotography #igworldclub #Italianplaces #best_places #travelgram #rome #ancient_architecture #gardens #architecture #nature

A post shared by Villa d'Este (@villadestemibac) on

Inserita tra i patrimoni dell’umanità dell’UNESCO, Villa d’Este è considerata un capolavoro del Rinascimento italiano. Realizzata su volontà del cardinale Ippolito d’Este, questi volle farvi rivivere i fasti delle corti ferraresi, romane e francesi. Ecco perché la realizzazione di magnifiche fontane, grotte e giochi d’acqua che costellano lo splendido giardino, opera di Pirro Ligorio. All’interno a destare interesse è invece soprattutto il piano nobile, ampiamente decorato e dipinto.

A partire dal 27 maggio sono cambiate le modalità di ingresso, descritte sul sito ufficiale.

Leggi anche: 13 luoghi magici e inusuali da visitare a Roma

 

Articoli correlati: