edifici-strani-nel-mondo
12 FEBBRAIO - Viaggi

10 edifici strani da fotografare nel mondo

Scritto da:

Dalla libreria gigante alla casa sottosopra, in giro per il mondo sono numerosi gli edifici stravaganti che catturano lo sguardo. Ve ne segnaliamo 10

 

 

Crooked House (Sopot, Polonia)

edifici strani nel mondo

Trae ispirazione dalle fiabe illustrate di Jan Marcin Szancer e Per Dahlberg questo edificio progettato da Szotyńscy & Zaleski nel 2004, oggi tra i più fotografati della Polonia. Tutta curve e linee irregolari come se si stesse animando, al suo interno ospita un centro commerciale. La Crooked House (Krzywy Domek) la trovate accedendo da Monte Cassino Street o Morska Street.

 

 

Piano House (Huainan, Cina)

edifici strani nel mondo

Progettata dagli studenti della facoltà di architettura e design della Hefei University of Technology, la Piano House è un edificio interamente dedicato alla musica fin dal suo esterno. Un enorme violino in vetro si appoggia a un gigantesco pianoforte a corde nero. I due strumenti sono collegati da una scala d’acciaio. Costruita nel 2007 nella cinese Huainan allo scopo di rilanciare l’interesse turistico e simboleggiare il progresso della città, al suo interno ospita sale concerti, lezioni, party. È considerata uno degli edifici più romantici di tutta la Cina.

 

 

Kansas City Public Library (Missouri, Usa)

edifici strani nel mondo

Una biblioteca pubblica che al suo esterno sembra un enorme scaffale da libreria. È la Kansas City Library, fondata nel 1873. I libri giganti che ne costituiscono le mura sud e che prendono il nome di Community Bookshelf – costruita nel 2004 – sono alti dai 3 ai 6 metri, e i 22 titoli che riportano sono stati scelti dai lettori di Kansas City.

 

 

Upside Down House (Szymbark, Polonia)

edifici strani nel mondo

Una casa a testa in giù per rappresentare la confusione della vita moderna e i pericoli creati dagli uomini. Ecco la Upside Down House commissionata dall’uomo d’affari Daniel Czapiewski nel villaggio polacco di Szymbark. Inaugurata nel 2007, anche il mobilio interno è tutto al contrario, con i mobili attaccati al soffitto. Visitabile dai turisti, pare che lasci addosso un forte senso di straniamento.

 

Leggi anche: 10 mete fiabesche da visitare in Italia

 

Casa danzante (Praga)

edifici strani nel mondo

Originalmente chiamata Fred & Ginger (dai ballerini cinematografici Fred Astaire e Ginger Rogers) la Casa danzante di Praga venne costruita nel 1992-1996 su progetto dell’architetto croato Vlado Milunić in cooperazione con il canadese Frank Gehry. La sua forma inusuale richiama un insieme di stili architettonici tipici di Praga: Decostruttivismo, Neobarocco, Neogotico e Art Nouveau. Al suo interno sono ospitate alcune compagnie multinazionali, mentre al settimo piano si trova un ristorante francese.

 

 

Basket Building (Ohio, Usa)

edifici strani nel mondo

Nato per essere il quartier generale della Longaberger Company, specializzata nella produzione di cestini di legno d’acero fatti a mano, il Basket Building rappresenta esattamente il prodotto più venduto dell’azienda, ma 160 volte più grande. Completato nel 1997, a gennaio 2018 è stato comprato dallo sviluppatore locale Steve Coon e ora è di nuovo in vendita.

 

 

Casa Batlló (Barcellona)

edifici strani nel mondo

Non si può andare a Barcellona senza visitare la Casa Batlló, tra le più celebri opere dell’architetto catalano Antoni Gaudí. Commissionata nel 1904 a Gaudí da Josep Batlló, industriale del settore tessile che voleva rimettere a nuovo un modesto palazzo stretto e allungato, venne completata nel 1907. La facciata è un trionfo dell’immaginazione, la cui superficie ondulata vede protagonisti pietra, vetro e ceramica.

Colonne di pietra slanciate di forma ossea decorate con elementi floreali, ringhiere dei balconi a forma di maschere, un tetto formato da grandi squame che simulano il dorso di un animale. Secondo alcuni tali elementi rappresenterebbero la leggenda di San Giorgio che sconfigge il drago. Secondo altri saremmo di fronte a un paesaggio acquatico. Gaudí non fornì mai una spiegazione ufficiale. Quel che ci rimane è una vera opera d’arte situata al civico 43 del Passeig de Gràcia, nel 2005 dichiarata patrimonio dell’umanità dell’UNESCO.

 

 

High-Heel Wedding Church (Taiwan)

edifici strani nel mondo

Sembra la casa di Cenerentola, ma si tratta di una chiesa. A Budai nella contea di Chiayi (Taiwan), dal 2016 fa la sua romantica figura un edificio a forma di scarpetta trasparente di 16 metri di altezza per 10 di larghezza, composta da 332 parti di vetro blu. Lo scopo della sua costruzione non è quello di ospitare funzioni quotidiane bensì di attirare interesse e turisti e divenire un luogo cult per la celebrazione dei matrimoni. Perché proprio una scarpetta? Pare che la forma dipenda dalla storia locale di una ragazza di 24 anni alla quale furono amputate le gambe a causa di una rara malattia, motivo per il quale il suo matrimonio venne annullato. Rimasta nubile, la ragazza trascorse il resto della sua vita in una chiesa.

 

 

Robot Building (Bangkok)

edifici strani nel mondo

Situato nel distretto Sathorn di Bangkok, in Thailandia, ospita il quartier generale della United Overseas Bank. Ideato da Sumet Jumsai nel 1986 per celebrare l’informatizzazione e modernizzazione della banca, prende ispirazione dal robot giocattolo del figlio del direttore. In aperta opposizione all’architettura neoclassica e postmoderna high-tech dell’epoca, il Robot Building è alto 20 piani e ospita 23.000 metri quadri di uffici. Costruito tramite la sovrapposizione di moduli in calcestruzzo di larghezza differente, è uno degli ultimi esempi del modernismo architettonico di Bangkok.

 

 

Case cubiche di Piet Blom (Olanda)

edifici strani nel mondo

Chiamatele come vi pare: case cubiche, paalwoningen (“abitazioni sorrette da pali”/”palafitte”), boomwoningen (“case albero”). Siamo comunque di fronte al progetto architettonico dell’olandese Piet Blom, caratterizzato da una serie di edifici a forma di cubo rovesciato che dovevano imitare un insieme di “alberi”. Le prime vennero realizzate per essere un complesso residenziale, nelle città di Helmond (1975 – 1977) e Rotterdam (1982 – 1984). Acquisiti i diritti del progetto, sono state replicate anche a Toronto, in Canada.

 

Articoli correlati: