fbpx
People / Sport

Berrettini non delude: torna dopo tre mesi e vince, i numeri sull’erba

13 Giugno 22 / Scritto da:

Sesto titolo per il tennista azzurro

Matteo Berrettini non delude. In un momento fatto di alti e bassi per gli azzurri, il romano, dopo tre mesi di stop causa intervento è tornato a giocare e a vincere.

Berrettini, nel weekend ha portato a casa il sesto titolo della propria carriera: sull’erba di Stoccarda vincendo in finale contro il redivivo Andy Murray.

È il primo titolo di un italiano nel 2022: l’ultimo era stato a ottobre, ad Anversa, quello di Jannik Sinner.

Si tratta del titolo numero 76 per un tennista italiano. Il più titolato è al momento proprio il numero 10 delle classifiche ATP.

Il primo, il romano, lo vinse nel 2018 su terra battuta. Poi sono arrivati tanti trionfi sull’erba: con il primo, portato a casa sempre a Stoccarda nel 2019 in finale contro l’amico canadese Felix Auger Aliassime.
Poi la prestigiosa vittoria al Queen’s il 20 giugno 2021 superando il britannico Cameron Norrie e infine il successo di ieri.
Nella speciale classifica all time, Berrettini con i suoi sei tornei ATP raggiunge Paolo Bertolucci. Davanti ci sono solo Adriano Panatta e Fabio Fognini, vincitori, rispettivamente con 10 e 9 titoli.
In ogni caso Berrettini si è dimostrato uno dei più forti sull’erba, come dimostrato dalla finale di Wimbledon (unico italiano di sempre a raggiungere il traguardo) dello scorso anno.

Matteo Berrettini, bilancio positivo su Erba

Il suo bilancio parla di 28 vittorie e 6 sconfitte, con tre tornei vinti (Stoccarda 2019 e 2022, Queen’s 2021).
Un segnale importante anche perché, visto la decisione di non assegnare punti a Wimbledon da parte di ATP e visto lo stop forzato perderà diverse posizioni nel ranking.
L’azzurro non giocava un match dal 16 marzo scorso, quando fu sconfitto negli ottavi di Indian Wells dal serbo Kecmanovic.
Pochi giorni dopo è stato costretto a sottoporsi ad un intervento alla mano destra che l’ha costretto a rinunciare a tutta la stagione sulla terra rossa, inclusi Roma e Roland Garros.

Tag: