fbpx
Televisione

Barbara D’Urso chiude i collegamenti con Vessicchio: “Salutami a s*#$%a!”

17 Dicembre 19 / Scritto da:

“Io non ti spengo il microfono, ti dico solo “ciao” e in un secondo sparisci dal monitor”

“Siccome è la mia televisione. Ora mi ascolti. Vessicchio, siccome la mia televisione non si porta più, così come non si portano più i tuoi capelli, io decido che tu nella mia televisione non ci stai. Salutami a soreta. Ciao”. Barbara D’Urso ieri sera, 16 dicembre, durante il suo “Live Non è La D’Urso” ha perso le staffe in diretta durante un collegamento con Sergio Vessicchio, radiato dal Consiglio regionale di disciplina dell’Odg della Campania per alcune sue cronache sportive, giudicate “sessiste” è stato invitato in trasmissione nello spazio dedicato al confronto.

Tu sei stata radiata dall’ordine dei giornalisti. Ci sono dei documenti dell’ordine dei giornalisti. Hai vinto anche una causa contro Iacopino (ex presidente dell’ordine dei Giornalisti, ndr)

Quello che doveva essere un confronto, però, si è rivelato un triste show, dove la conduttrice, sentitasi sotto accusa ha iniziato a fare leva sull’aspetto fisico del suo ospite in collegamento.

 

Rispetta la padrona di casa, perché sei a casa mia. Quindi ora mi ascolti. Primo: io avevo il tesserino da giornalista, che è stato riconsegnato vari anni fa, perché facevo della pubblicità in trasmissione, quindi con correttezza ho restituito il tesserino. Secondo: il signor Iacopino mi fece un’azione legale penale, perché secondo lui io non potevo più intervistare nessuno, in quanto non più giornalista. Purtroppo la procura ha dato ragione a me.

 

Sergio Vessicchio ha replicato:

Per fortuna ti ha dato ragione. Io continuo a fare il giornalista, perché c’è la sentenza a tuo favore. Tutti i giudici ti hanno dato ragione, quindi anche io posso continuare. Vi piaccia o no, vale per te e vale per me.

 

“Scusate se l’ho fatto, ma essere aggredita così nella mia trasmissione, io reggo reggo poi ad un certo punto…” la D’Urso prova a spiegare: “Tu sei stato radiato per delle frasi sessiste!”. Così arriva dritta la replica:

Ti devi informare, sei disinformata. Ti devi preparare, non puoi fare queste figuracce Barbara… sono stato radiato perché l’ordine dei giornalisti non ha rispettato la mia opinione. Se veramente ho offeso qualcuno, doveva denunciarmi la persona che si è sentita offesa.

Sergio Vessicchio inizia a pensare che gli abbiano spento il microfono, ma la D’Urso ribatte:

Io non ti spengo il microfono, ti dico solo “ciao” e in un secondo sparisci dal monitor. Sapete che c’è? Vessicchio mi hai stufato.

Questa frase si rivela la goccia che fa traboccare il vaso:

“Non mi sopporti perché ti dico la verità in faccia. Tu continui a fare una televisione becera, una televisione che parla agli ultimi, una vergogna. Questa è la verità. Fai una televisione che non si usa più. Non si porta più. Mi spiace, con me non la spunti Barbara. Perché mi avevano invitato un’altra volta e tu hai detto “No, Vessicchio no!”. Perché io ti metto KO. Con me non la spunti mai. Questo è un teatrino vergognoso… vuoi l’ultima parola? Hai messo tutte femmine lì dentro e due che non sono manco un mezzo uomo, con me non la spunti Barbara. A me mi devi togliere il microfono. Con me vai KO, io ti faccio nera. Esco dalla televisione, ma tu non la spunti”.

E così, sul finale è arrivata la frase che ormai sta facendo il giro del web e che no, non ci saremmo aspettati nemmeno dalla D’Urso:

“Vessicchio, siccome la mia televisione non si porta più, così come non si portano più i tuoi capelli, io decido che tu nella mia televisione non ci stai. Salutami a soreta. Ciao”.