fbpx
16 GENNAIO - People / Televisione

Amadeus risponde alle critiche sulle donne scelte a Sanremo 2020

Scritto da:

Saranno dieci le donne che saliranno sul palco dell’Ariston quest’anno ma…

Sono state tantissime le critiche rivolte ad Amadeus dopo la conferenza stampa di presentazione del Festival di Sanremo. In diretta, infatti, il direttore artistico ha affermato: “Ovviamente sono tutte molto belle. Francesca, ad esempio, (riferendosi a Francesca Sofia Novello,ndr) è una scommessa personale, è stata scelta da me perchè vedevo intanto la bellezza e poi la capacità di stare accanto a un grande uomo, ma sempre un passo indietro”.

Ecco, sono state proprio le motivazioni, soprattutto rivolte all’aspetto esteriore, delle dieci donne che saliranno sul palco dell’Ariston, a far insorgere i social. Prima di quella frase che sta facendo il giro del web, però, Amadeus ci ha tenuto a sottolineare che quest’anno per i 70 anni del Festival voleva portare sul palco la testimonianza di donne diverse. L’intento, infatti, era proprio di celebrare donne di età, professioni e ruoli diversi.

 

Amadeus oggi ha risposto alla pioggia di critiche: “Io sono responsabile di quello che dico, non di quello che capisci“. La frase di Massimo Troisi è apparsa sul profilo che Amadeus condivide con la moglie Giovanna, accompagnato da hashtag “la gente quando non capisce inventa”, “bla bla”.

Sanremo 2020, Amadeus ufficializza i nomi di vallette e ospiti

View this post on Instagram

Egregi responsabili @sanremorai, dal momento che ci obbligate tutti quanti noi a pagare in bolletta quel carrozzone senza fondo della Rai con la scusa di farci un servizio pubblico, ci fate almeno il piacere di spiegarci DOVE STA IL SERVIZIO PUBBLICO QUI DENTRO? È questo il messaggio che vuole trasmettere “l’azienda culturale più importante del Paese” come vi autodefinite così pomposamente? Prima l’estetica e poi il contenuto? Se il contenuto c’è, bene. Se non c’è, pazienza. Chiara Ferragni e Rula Jebreal no, ma le fidanzate di Valentino Rossi e Cristiano Ronaldo sì. Sia mai che qualche ragazza che vi guarda con occhi sognatori dalla provincia di Varese pensi che una donna nel 2020 possa fare l’imprenditrice senza passare per Temptation Island o che possa fare la giornalista di successo senza sfoderare il suo davanzale ai quattro venti in prima visione. Perché se Chiara Ferragni è moglie di Fedez, è solo un di più. Se Rula Jebreal è anche una giornalista bellissima, è solo un di più. Ma no dai. Continuiamo pure a raccontare alle donne che per fare carriera devono prima pensare a farsi belle, magari trovarsi un fidanzato ricco e famoso e fare anche UN PASSO INDIETRO. Non oscuriamo il suo successo. Annullati tu piuttosto. Stai sempre un passo dietro di lui. Avete deciso che il vostro target è l’italiano medio che si eccita con due poppe al vento? BENE. Allora non avrete me. Non vi cambierò magari nulla, ma almeno potrò dire di non aver alimentato questo baraccone. Perché le cose da sole non cambiano. E se stiamo tutti zitti vuol dire che va tutto bene. Chissà che magari un giorno ci arriverete anche voi a capire che per sopravvivere dovrete attirare le nuove generazioni. E i giovani italiani di oggi, grazie a Dio, non ci stanno ad assecondare conduttori mediocri e sarcasmo da due soldi. #boycottSanremo

A post shared by IMEN (@imenjane) on

Articoli correlati: