15 NOVEMBRE - Gossip / Musica / People

Taylor Swift furiosa: bloccato il suo documentario su Netflix

Scritto da:

I suoi vecchi manager le hanno impedito di cantare le canzoni fino al 2020

Doveva essere un periodo felice per Taylor Swift, che si stava preparando per gli American Music Awards del 25 novembre. Qui riceverà il riconoscimento di artista del decennio, ma non potrà esibirsi, come racconta lei stessa sui social: «Scott Borchetta ha detto al mio staff che potrò usare la mia musica se farò queste cose: se accetto di non registrare copie delle mie canzoni il prossimo anno (una cosa che posso fare legalmente e che non vedo l’ora di fare), e di non parlare più di lui e Scooter Braun».

«Il messaggio che mi stanno mandando è molto chiaro. In pratica: fai la brava ragazza e stai zitta. O sarai punita. Questo è sbagliato. Nessuno di questi due uomini ha avuto meriti nella scrittura delle canzoni». La Swift ha concluso chiedendo ai suoi fan di scrivere a Borchetta e Braun, e agli artisti che rappresentano, perché le cose che ha provato a fare privatamente prima di denunciare la vicenda non hanno portato nessun risultato.

Su Twitter Taylor ha spiegato: “Ragazzi, di recente è stato annunciato che gli American Music Awards mi renderanno omaggio come Artista del decennio alla prossima cerimonia. Avevo in programma di esibirmi con un medley delle mie hit allo show. Scott Borchetta e Scooter Braun adesso hanno deciso che non ho il permesso di presentare le mie vecchie canzoni in tv. Il motivo? Sostengono che io dovrei ri-registrare la mia vecchia musica, prima di poterla suonare di nuovo, il prossimo anno“.

View this post on Instagram

If it don’t fits, I still sits.

A post shared by Taylor Swift (@taylorswift) on

E a proposito di NETFLIX annuncia:

“Inoltre, e questo non è il modo in cui avrei voluto darvi la notizia, Netflix ha creato un documentario sulla mia vita negli ultimi anni. Scott e Scooter hanno proibito l’utilizzo della mia vecchia musica o dei video delle mie esibizioni per questo progetto. Anche se nel film non si fa riferimento a loro o alla Big Machine Records. Scott Borchetta ha detto al mio team che mi permetteranno di utilizzare la mia musica solo se farò le seguenti cose. Se accetto di non registrare le mie canzoni il prossimo anno (cosa che ho il diritto di fare e che non vedo l’ora di fare) e se io e il mio team smetteremo di parlare di lui e Scooter Braun”. 

Se volete supportarla potrete unire le vostre voci con l’hashtag (diventato virale in poche ore!) #IStandWithTaylor !

Articoli correlati: