06 FEBBRAIO - Interviste / Musica

Nek: “Sanremo? Temo solo il giudizio di mia moglie”

Scritto da:

È in gara con “Mi farò trovare pronto”

L’eterno giovane, Filippo Neviani, in arte Nek non sembra essere invecchiato: questo almeno il commento più diffuso in rete per uno dei “veterani” della scena musicale italiana che è in gara nella 69° edizione  con “Mi Farò trovare pronto“.

A chi gli chiede se la sua canzone, tecnicamente molto radiofonica, possa penalizzare e condizionare negativamente la giuria risponde con naturalezza e simpatia:

Non me  ne frega un c***o (ride). La radio arriva al cuore della gente, io sono cresciuto con la radio e quando ho deciso di venire a Sanremo…sì, certo ho pensato alle dinamiche ma ho pensato a fare un pezzo che arrivasse quasi come uno “schiaffo” alle persone attraverso la radio perché è il mezzo che arriva per primo.

E aggiunge:

Non ho mai vinto Sanremo, ho 26 anni di carriera. Ho quasi 11 milioni di dischi venduti…se non ho vinto io? Chi? Sono sempre in gioco. Lo scopo che io è la longevità, sono qui dopo quel saremo 1993..sono ancora qui..

Un Nek la cui canzone è proprio una delle più ascoltate in radio che ha fatto un percorso di fede “Dopo la morte di mio padre..la fede mi ha aiutato molto e lui ha vissuto – almeno a quanto mi hanno detto i medici – un anno in più perché ha visto crescere mia figlia Beatrice“. La figlia a cui lui è legatissimo che purtroppo non c’è: “Perché sarebbe voluta salire sul palco” (è ancora minorenne) e la moglie il giudice più severo che teme più della giuria del Festival

Ogni volta che mi esibisco chiedo il pare di mia moglie..perché lei va giù come un katerpillar.

Nek torna sul palco a distanza di anni eppure per lui non è cambiato molto:

Il cuore è sempre una caldaia ancora adesso: è cambiato poco dalla prima esperienza…quando sono salito sul palco dell’Ariston è come se fossi stato a casa, mi succede quando sono su qualsiasi tipo di palcoscenico..ho pensato fosse un mio concerto.

 

 

Articoli correlati: