les-italiennes
31 MAGGIO - Musica

Les Italiennes: un duo eclettico e speciale

Scritto da:

Un gioco di incastri, di colori diversi e sentimenti contrastanti: conosciamo Les Italiennes, un duo tutto al femminile 

 

Sono italiane e ci tengono a ribadirlo con il nome che hanno scelto per il loro duo, anche se hanno preferito dirlo in francese. Abbiamo incontrato Daniela Chiara e Alessandra Contini e ci hanno spiegato perché hanno deciso di chiamarsi così: “Se Parigi avesse il mare sarebbe una piccola Bari”… e visto che sono entrambe pugliesi, ci hanno tenuto a mettere in risalto le la loro radici. Originali, eclettiche e grintose, Les Italiennes ci piacciono perché propongono qualcosa di diverso nel panorama musicale italiano.

Nasce da un progetto che unisce gioco e ricerca musicale, con DJ set che sono occasione per conoscere e far conoscere nuova musica in un lavoro che si modula a seconda dell’atmosfera.

Il loro viaggio attraverso la musica parte da The Rock and Roll Circus Experience, progetto musicale visionario che s’ispira a un evento televisivo che fecero i Rolling Stones negli anni ’70. Qui Daniela e Alessandra, hanno avuto l’occasione di approfondire la loro conoscenza e far nascere una profonda amicizia. Così nasce il desiderio di trovare un progetto sul quale lavorare insieme, iniziano dalle selezioni musicali utili per scoprire nuovi generi che le ha portate a viaggiare un po’ per il mondo, sviluppando dei veri e propri live set, nati dall’esigenza di comporre musica originale.
Un’unione di caratteri interessanti, due storie diverse unite in un incanto, la loro musica è focalizzata su un mondo elettronico che le diverte e che sentono vicino, le loro basi sono semplici, con lo scopo di essere suonate con strumenti live e cantare.

In questi giorni è in rotazione radiofonica il brano “IDWBYGF – I dont’t wanna be your girlfriend”, primo singolo del duo femminile dream pop. “IDWBYGF” (prodotto da Operà Music – distribuito Artist First), è stato scritto e composto da Les Italiennes, in collaborazione con Ermal Meta durante una session di registrazioni strumentali.

«Questa canzone voleva nascere – dichiarano Les Italiennes – è un brano magnetico e magico. É una canzone che parla di amore, un amore che vuole essere facile, senza le sovrastrutture che rendono le relazioni difficili. Questo “vorrei ma non so”, raccontato da due ragazze che sono le ragazze del mondo, diventa per noi un inno, uno status symbol “Mi piaci mi fai provare delle emozioni ma mi costa troppo stare insieme a te”, “il tuo prezzo é alto e invece dovresti essere gratis”, perció : I Don’t Wanna Be Your Girlfriend».

Il brano sarà disponibile in digital download e su tutte le piattaforme streaming in due versioni: l’original version e la versione mix by David Kosten (Bat For Lashes, Everything Everything and Guillemots).

Si tratta di un brano elettro pop che rispecchia una tendenza britannica, suoni elettronici che incontrano melodie pop dalle sonorità sensuali e dal ritmo ambizioso. Provocazione e un forte desiderio di portare in Italia un’impronta musicale del tutto nuova, fatta di melodie e dissonanze, di echi e riverberi su cui la voce de Les Italiennes può fluttuare in libertà.

Cover_Album Les Italiennes

 

Il videoclip è girato in virtual reality, nuova tecnologia 360°, è stato scritto e diretto da Maki Gherzi insieme al team Range (www.range360solution.com) e la collaborazione di Proxima Milano (www.proximamilano.com), è la storia di due donne che duellano in un bosco.

«Rivedere il video – hanno dichiarato – é stata un’esperienza bellissima, ma abbiamo dovuto fare i conti con la nostra vulnerabilità, soprattutto rispetto a noi stesse, la nostra immagine appare un po’ distorta e la percezione di noi é diversa rispetto a tutto il resto, ma ne é venuto fuori però qualcosa di assolutamente visionario».

Il bosco che appare nel video è visto come un luogo protetto ma allo stesso tempo nasconde dei pericoli, un posto dove il tempo sembra svanire e l’atmosfera si fa magica, avvolgente e ingannevole allo stesso tempo, attraente e pauroso, amichevole e ostile, dove si vede tutto e niente.

Articoli correlati: