fbpx
15 APRILE - Musica / Spettacoli

Dua Lipa superstar, qual è il segreto del successo di “Future Nostalgia”?

Scritto da:

L’ultimo album è uscito il 3 aprile e ha conquistato tutto il mondo

Dua Lipa ama sorprendere. Così, l’attesa per il suo ultimo album, “Future Nostalgia”, è stata ampiamente ripagata. Il nuovo album l’ha consacrata superstar mondiale!  Dua è l’artista femminile più ascoltata al mondo ( la terza artista in assoluto) e,  con 150 milioni di streaming globali, Future Nostalgia è l’album di una donna con i maggiori risultati nella settimana di debutto.

L’album è ai vertici della classificica ufficiale  Fimi/Gfk  in Italia,  e in molti altri Paesi tra cui l’America dove il suo singolo “Don’t start now” è al n.1 dell’airplay radiofonico da 6 settimane. In Inghilterra è la prima artista femminile, dopo Ariana Grande, ad avere 3 singoli nella top10 della chart di vendita .

Tutto, dal look curato nei minimi dettagli (grazie al suo stilista personale Lorenzo Posocco), dai capelli,(proprio mentre si trovava su un set ha scoperto per caso che il biondo non le stava affatto male!), dai fermagli a clip. Dai body e dalle atmosfere anni ’70, ’80 e disco ’90, dal fluo e dalla sua voce. Dai suoi balletti. Dal suo saper cantare e ballare contemporaneamente senza dover ricorrere (come molte sue colleghe!) al playback. “Ho pensato, ad esempio, alla musica degli Abba, cosa la rende tuttora attuale?” ha spiegato.

E in effetti non ci si può stancare di nessuna canzone di “Future Nostalgia”. No, nemmeno di “Don’t start now” e “Physical”, i primi due singoli. Bellissime “Pretty Please” e “Cool”, ma anche “Boys will be boys”, perchè sì, canta a gran voce Dua lipa: “I ragazzi resteranno sempre ragazzi, invece le ragazze devono diventare donne!”. Non si può non ballare con il ritmo travolgente di “Love again” e “Hallucinate”. E “Break my heart” aveva rotto e ricostruito al primo ascolto. Poi in questo periodo ci consola un po’

“I would’ve stayed at home, ‘cause I was doin’ better alone, But when you said, “Hello”, I knew that was the end of it all”/ “Sarei dovuta restare a casa, perchè stavo meglio da sola, ma quando hai detto ‘ciao’ ho capito che sarebbe stata la fine di tutto”.

E no, Dua, visto che non possiamo uscire di casa, questo rischio, almeno ora, non lo corriamo.

View this post on Instagram

Woweeeeee Number 1 album in my hometown and 3 songs in the top 10! Thank you UK 🇬🇧 + Top 5 sitting at #4 in the US!! jheeeze I can’t believe my eyes!!! Thank you a MILLION for making this happen! So surreal to even be writing this! All my love, always x 🌕 #FutureNostalgia 🥳🥳🥳🥳🥳🥳🥳🥳🥳🥳🥳

A post shared by DUA LIPA (@dualipa) on

 

Spotify ha creato The Future Nostalgia Experience: una playlist molto speciale che include le tracce di Future Nostalgia alternate a contenuti audio e video esclusivi in cui la stessa Dua racconta i testi del suo album, le fonti da cui ha preso ispirazione e i dietro le quinte.

Future Nostalgia, dall’impronta decisamente dance,  cerca di dare evasione da tutti gli aspetti più seriosi della vita. Dua, quando ha scritto questo album , non poteva sapere in che terribile periodo storico sarebbe uscito, ma tutto questo rende ancora più importate il suo obbiettivo: Future Nostalgia è un brillante e insieme audace mix di perfette canzoni pop senza tempo che cercano di spazzare via le ansie.

Volevo fare musica che ti distogliesse dai pensieri” – ha dichiarato – “ Volevo solo  rendere un po’ più facile alzarsi al mattino e non pensare alle cose negative che accadono al mondo”.

Perfettamente in linea con il titolo dell’album, Dua riesce a prendere in prestito dalle sonorità del passato, spaziando  dalla discoteca anni ’70 alla dance pop degli anni ’90,  per creare canzoni “familiari” ma fresche e nuove.

 

Dua Lipa è anche sempre stata un’artista capace di riportare nelle sue canzoni le cose in cui crede in maniera sincera, non mancano, infatti, riferimenti ai diritti delle donne.  L’esperienza femminile è espressa sia attraverso  un senso di empowerment (“Future nostalgia”) sia  con  osservazioni sulla disuguaglianza che le donne si trovano ad affrontare e sulle molestie sessuali (“Boys Will Be Boys”) “Don’t Start Now” , la hit in cima a tutte le classifiche (certificata Platino in Italia) sembra essere la controparte del singolo del precedente album  “New Rules”, in cui mostra  le sue istruzioni per allontanare un ex.

La fine del 2019 ha visto Dua esibirsi sulle note di “Don’t Start Now” agli MTV EMA, ARIAs, AMA’s e all’ultimo Festival di Sanremo.

Dua Lipa ha venduto 4 milioni di copie con il suo album di debutto nel 2015 e oltre 60 milioni di dischi con i suoi singoli (inclusi i 500 milioni di stream di “Don’t Start Now”). Il suo album di debutto è stato l’album più ascoltato su Spotify per un’artista femminile solista. Dua è stata inoltre l’artista femminile solista più giovane ad accumulare oltre 1 miliardo di visualizzazioni su YouTube.

 

Il suo tour mondiale è stato posticipato , il concerto italiano del 30 aprile 2020 è ora riprogrammato il 10 febbraio 2021 al Mediolanum Forum di Milano.

 

Articoli correlati: