la-francia-in-scena
04 MAGGIO - Spettacoli

La Francia in scena: 80 spettacoli artistici d’Oltralpe in Italia dal 7 maggio

Scritto da:

 La seconda edizione della stagione artistica dell’Institut français Italia presenta un programma ricchissimo e diversificato che vuol far conoscere meglio nel nostro Paese il panorama dello spettacolo francese contemporaneo.

150 date, 80 spettacoli, 30 città italiane. Sono questi i numeri della seconda edizione de La Francia in scena, che da lunedì 7 maggio a martedì 15 novembre 2016 ha lo scopo di portare nel nostro Paese “tutta la vitalità della scena artistica francese in Italia”. Da nord a sud, comprese le isole maggiori, gli spettacoli proposti andranno a toccare un po’ tutte le espressioni artistiche, in nome della diversità: musica, danza, teatro, circo contemporaneo, performance, fotografia, design, architettura, arte contemporanea, street art, spettacoli per ragazzi. «L’obiettivo è favorire a un nuovo pubblico l’accesso alle arti dello spettacolo, valorizzare il savoir-faire stilistico e tecnologico degli artisti francesi», sottolinea il Direttore dell’Institut français Italia Eric Tallon. «Così come vogliamo incontrare un pubblico più giovane con una programmazione speciale, radicando la diffusione di compagnie di spettacoli per ragazzi». E proprio a tale scopo Mantova ad esempio ospiterà a ottobre il festival Segni d’Infanzia, con 5 compagnie francesi di circo, musica e teatro.

Tra i grandi eventi organizzati nell’ambito de La Francia in scena emerge quello del 21 giugno in occasione de La Festa della Musica, una serata speciale gratuita per celebrare il 60° anniversario del gemellaggio tra Parigi e Roma, che vedrà esibirsi in Piazza Farnese a Roma il duo francese Brigitte e la cantautrice nostrana Carmen Consoli. Per la serata, Edison e Ambasciata di Francia in Italia applicheranno per la prima volta un protocollo per gli eventi musicali dal nome Edison Green Music, il cui scopo è ridurre l’impatto ambientale attraverso soluzioni sostenibili.

Ed è proprio la sezione Musica ad essere quest’anno la più ricca. Ad aprire la stagione il 7 maggio sarà dunque una nuova stella musicale francese, Christophe Chassol, presso la Stazione Leopolda di Firenze nell’ambito del Festival Fabbrica Europa. Mescolando video e musica in maniera poetica, l’artista proseguirà poi la sua tournée in altre sei città italiane (Bari, Lecce, Venezia, Milano, Palermo, Roma per l’Romaeuropa Festival). Tra i nomi da sottolineare anche quello degli AIR, punto di riferimento della scena elettronica, di Rone e degli Acid Arab, che arriveranno a Roma dal 19 al 21 maggio per Spring Attitude. «Abbiamo lavorato molto anche sul jazz e sulla sua nuova generazione», ha sottolineato Anouk Aspisi, Addetta culturale / Segretaria generale della Fondazione Nuovi Mecenati. «Théo Ceccaldi e Carmelo Coglitore saranno presenti insieme ad altri musicisti alla Casa del Jazz di Roma dal 24 al 27 giugno nella prospettiva di una pratica di scambio culturale, con concerto finale il 27 giugno. La Francia in scena è tuttavia presente con tutte le categorie musicali».

Carmen-consoli

Riguardo la Danza, il Circo e le Arti di strada, saranno 13 gli spettacoli. Il tradizionale Cirque Bidon ad esempio sarà in tournée dal 10 giugno al 12 settembre in Lombardia, Emilia-Romagna e Piemonte. Il 17 luglio è invece atteso alla Venaria Reale piemontese il Groupe F, che coniuga nelle sue performance meraviglie pirotecniche, musica, danza, video, acrobatica. Attesi nomi della danza sono invece quelli di Fabrice Guillot, Emmanuel Gat, Rachid Ouramdane e Heddy Maalem per Bolzano Danza dal 24 al 29 luglio; Angelin Prejlocaj, Denis Plassard, Olivier Dubois e Mathurin Bolze per Torino Danza; o ancora il Romaeuropa Festival ospiterà Pierre Rigal, Noé Soulier e lo spettacolo ideato da Pierre Godard con Liz Santoro.

Se quattro saranno gli esordienti del teatro francese, con lavori tra realtà e sogno, fiction e documentari, (come quello di Olivier Cadiot Un mage en été, o il Pinocchio di Joël Pommerat), tra le mostre di arte contemporanea da evidenziare figurano quelle di Camille Henrot, “Monday”, con la Fondazione Memmo (16 maggio – 6 novembre) e di Olivier Roller, “Figure di potere”, al Palazzo Altemps di Roma (16 giugno – 17 luglio).

«Questa stagione de La Francia in scena è stata realizzata nella convinzione della forza economica dello spettacolo dal vivo e delle sue ricadute dirette nello sviluppo dell’economia e dell’occupazione, come è già evidente in Francia in cui rappresenta da solo lo 0,36% dell’economia complessiva», spiega Eric Tallon. Una stagione costruita grazie al dialogo con le più importanti istituzioni cultuali italiane e le principali reti artistiche della Penisola, nonché realizzata su iniziativa dell’Ambasciata di Francia in Italia, con il sostegno dell’Institut français e del Ministère de la Culture et de la Communication, della Fondazione Nuovi Mecenati, della Sacem Copie Privée, della Commisione Europea (Creative Europe) e del Ministero dell’Istruzione italiano dell’università e della Ricerca – Afam (MIUR – Afam).

Il programma completo de La Francia in scena è scaricabile online sul sito www.institutfrancais-italia.com.

Articoli correlati: