10 FEBBRAIO - Cinema / People

‘Oscar 2020’, l’omaggio di Spike Lee a Kobe Bryant

Scritto da:

L’ex stella NBA è scomparsa prematuramente a 41 anni in un tragico incidente

La morte di Kobe Bryant è una ferita che ancora non si è rimarginata nei cuori di tutti i tifosi di Basket e non solo. Nel weekend la moglie Vanessa ha annunciato che le commemorazioni dell’ex stella NBA e della piccola Gianna, che insieme ad altre 7 persone ha perso la vita in un fatale incidente in elicottero il 26 gennaio, si svolgeranno il 24 febbraio nella casa dei Lakers, nello Staples Center.

View this post on Instagram

#2, #24, #20 years as a Laker and the amount of years Kob and I were together ❤️❤️💜💛

A post shared by Vanessa Bryant 🦋 (@vanessabryant) on

Intanto nella notte degli Oscar non poteva mancare il ricordo a Kobe che un Oscar lo aveva anche vinto, nel 2016, grazie al suo corto sul basket, nato dalla lettera con cui aveva annunciato l’addio allo sport che ha rappresentato tutta la sua vita. Il regista Spike Lee si è presentato con un completo viola e giallo con tanto di numero 24 e con un paio di Nike.

View this post on Instagram

Da Lee’s Are In Da House.💜💜💜

A post shared by Spike Lee (@officialspikelee) on

Nella notte dedicata al cinema, come se qualcuno avesse davvero scritto una sceneggiatura ad hoc l’ex giocatore della NFL Matthew A. Cherry è diventato proprio il secondo sportivo dopo Kobe a vincere un Oscar. Cherry si è aggiudicato una statuetta per “Hair Love” come migliore corto animato. Così il ricordo al giocatore:

Questo premio è per Kobe Bryant, che tutti possiate avere una seconda carriera come la sua.

Articoli correlati: