fbpx
03 GENNAIO - Cinema / Spettacoli

“18 regali”: la lettera di Elisa e l’amore incondizionato di una mamma per la figlia

Scritto da:

Vi farà piangere, sorridere e capire che la vita, vissuta con amore, può essere meravigliosa…

Non c’è niente di più potente dell’amore che sconfigge la morte stessa. Oltrepassa la vita e diventa “per sempre”. E “18 regali” ci fa credere proprio in quel per sempre. Quello che sentiamo spesso, ma a cui non crediamo fino in fondo. Ebbene sì, “18 regali” è la prova che vi farà ricredere.

È al cinema da ieri, 2 gennaio. È la storia dell’amore incondizionato di una mamma per la figlia. È la storia dell’amore che oltrepassa la vita e vince la morte. È la storia vera di Elisa Girotto, di sua figlia e del marito, che rivive grazie a Vittoria Puccini, Benedetta Porcaroli e Edoardo Leo. Con la regia di Francesco Amato (Lasciati andare) e l’emozionante sceneggiatura scritta da lui stesso insieme a Massimo Gaudioso e Davide Lantieri con la straordinaria collaborazione di Alessio Vincenzotto, il vedovo di Elisa.

Elisa, durante la gravidanza scopre di essere gravemente malata. Ha un tumore che non si può curare e così, sapendo di non poter vedere crescere la figlia decide di dedicare a lei tutto il tempo che le resta. Le prepara 18 regali, uno per ogni compleanno, per poter comunque essere presente, anche se non fisicamente, nella sua vita. Ognuno è accompagnato da una lettera. E sono state proprio quelle lettere il punto di partenza del film. Lettere che diventano una sorta di manuale d’istruzione per la vita. Ma solo l’ultimo regalo farà scoprire ad Anna l’amore di sua mamma, che all’inizio non riesce a comprendere. Eppure è sempre stato sotto ai suoi occhi. Quello di Elisa è «un amore che ha la forza di non arrendersi quando tutto intorno crolla», forte come una roccia, un appiglio a tutte le difficoltà della vita. Forte come solo una mamma può e sa che deve essere.

 

“Cara Anna,

vorrei dirti tante cose, vorrei dirti com’è la vita e come va affrontata.

Vorrei trasferirti il mio modo di fare e di pensare.

Vorrei esserci nei momenti di difficoltà. Ma non si può. Il destino ha deciso così.

Lo so, starai pensando ‘Ancora con ‘sti regali? Che palle!’ ma tu non sai quanto mi ha fatto bene.

Questo è il mio ultimo regalo. Ora sei diventata una donna e io ti amo alla follia.

La tua mamma”

“È venuto da noi in punta di piedi, pronto ad ascoltarci prima di proporsi” ha dichiarato il marito di Elisa soddisfatto della riuscita del film sulla vicenda della moglie. “Sono venuti tutti a trovarmi, hanno letto le lettere di Elisa, hanno cercato di andare in profondità, commuovendosi come è naturale che sia” ha raccontato Vincenzotto, interpretato da Edoardo Leo, e con lui “siamo diventati addirittura amici” confida.

“Ti giuro che ci metterò tutto il cuore che ho, ma non pensare che rivedrai sullo schermo esattamente tua moglie, ho detto al marito di Elisa. Non deludere lui era l’obiettivo più grande per tutti noi!”, racconta Vittoria Puccini.

View this post on Instagram

“18 regali” è al cinema da ieri, 2 gennaio. È la storia dell’amore incondizionato di una mamma per la figlia. È la storia dell’amore che oltrepassa la vita e vince la morte. È la storia di Elisa Girotto, di sua figlia e del marito, che rivive grazie a Vittoria Puccini, Benedetta Porcaroli e Edoardo Leo. 💖 {Consigliatissimo! 🍿 🎬!!!!}

A post shared by 361 Magazine (@361magazine) on

«è lontana nello spazio, ma non nel tempo»

Vi farà piangere, sorridere e capire che la vita, vissuta con amore, può essere meravigliosa…

 

{Consigliatissimo! 🍿 🎬!!!!}

Articoli correlati: