18 MARZO - News / People

Zlatan Ibrahimovic: “L’Italia mi ha dato tanto e voglio fare qualcosa in cambio”

Scritto da:

Lo svedese ha lanciato una campagna fondi per la lotta al Coronavirus

Nella liste delle persone cha hanno deciso di partecipare con la beneficienza alla lotta del Coronavirus c’è anche Zlatan Ibrahimovic. Lo svedese attaccante del Milan che proprio quest’anno è tornato in forza ai rossoneri ha voluto dare un contributo al paese, che come lui stesso ha ammesso gli ha sempre dato tanto.

È giunto il momento, quindi, di restituire ciò che questo paese ha fatto per lui. L’attaccante ha così creato una raccolta fondi per gli Ospedali Humanitas.

L’Italia mi ha sempre dato tanto, e in questo momento drammatico devo e voglio fare qualcosa di concreto per aiutare un paese che amo. Insieme alle persone che lavorano con me abbiamo deciso di creare una raccolta fondi per gli ospedali Humanitas e di sfruttare la mia visibilità per diffondere il messaggio a più persone possibile. Conto sulla generosità dei miei colleghi, di tutti gli sportivi professionisti e di chi ha voglia di dare un piccolo o grande contributo in base alle proprie possibilità, per dare un calcio a questo virus. La questione è seria e c’è bisogno di un aiuto che non consiste solamente in un video.
Insieme possiamo davvero aiutare gli ospedali e medici e infermieri che lavorano ogni giorno senza sosta per salvarci la vita. Perché oggi siamo noi a tifare per loro!
Diamo un calcio al coronavirus insieme per vincere questa partita!
E ricordate: se il virus non va da Zlatan, Zlatan va dal virus!

View this post on Instagram

L’Italia mi ha sempre dato tanto, e in questo momento drammatico devo e voglio fare qualcosa di concreto per aiutare un paese che amo. Insieme alle persone che lavorano con me abbiamo deciso di creare una raccolta fondi per gli ospedali Humanitas e di sfruttare la mia visibilità per diffondere il messaggio a più persone possibile. Conto sulla generosità dei miei colleghi, di tutti gli sportivi professionisti e di chi ha voglia di dare un piccolo o grande contributo in base alle proprie possibilità, per dare un calcio a questo virus. La questione è seria e c’è bisogno di un aiuto che non consiste solamente in un video. Insieme possiamo davvero aiutare gli ospedali e medici e infermieri che lavorano ogni giorno senza sosta per salvarci la vita. Perché oggi siamo noi a tifare per loro! Diamo un calcio al coronavirus insieme per vincere questa partita! E ricordate: se il virus non va da Zlatan, Zlatan va dal virus! Link in bio

A post shared by Zlatan Ibrahimović (@iamzlatanibrahimovic) on

Ibrahimovic è solo l’ultimo di una ricca lista di benefattori: da Silvio Berlusconi ex presidente del Milan, alla società milanese stessa fino alla famiglia Agnelli che ha donato 10 milioni di euro e 150 respiratori per la protezione civile mettendo a disposizione ulteriori mezzi per la Croce Rossa italiana.

 

Articoli correlati: