fbpx
14 LUGLIO - People

Narcisisti: quando la rete fa “male”

Scritto da:

Secondo gli studiosi, i narcisisti rischiano la social dipendenza. Ecco perché…

Instagram, Facebook, Twitter, You Tube e, da oggi, anche Snapchat, ecco i mali dei narcisisti 2.0! Dal fenomeno, analizzato da alcuni studiosi dell’ Università di Firenze e pubblicato sulla rivista Cyberpsychology, Behavior and Social Networking, è emerso che i narcisisti vulnerabili, ovvero quelli insicuri e con meno autostima, sono più propensi all’ interazione compulsiva con la rete.

Da qui, una serie di fattori scatenanti come la costante auto promozione di sé attraverso i social, il desiderio spasmodico di followers, like e commenti, la voglia di ammirazione da parte dei propri contatti e la ricerca di popolarità.

Un quadro non proprio entusiasmante che, in un’epoca in cui internet e social networks sono pane quotidiano per la maggior parte della popolazione mondiale, mette in discussione i profili psicologici non solo dei narcisisti vulnerabili, ma anche di tutti quei soggetti che, per lavoro, sono “costretti” a sovraesposizione mediatica attraverso contenitori come Facebook e Twitter e che, grazie a queste piattaforme, riescono a gestire aziende, carriera, fama, popolarità e folte schiere di fans.

Qual’ è, quindi, la sottile linea che separa un narcisista vulnerabile da un semplice social lovers, dal curioso di turno, dal personaggio popolare o dall’ imprenditore che, per cause di forza maggiore, ha bisogno dei social networks?

In realtà, il narcisista dipendente dai social, si può distinguere facilmente attraverso alcune attività che svolge quotidianamente, sette giorni su sette, e che occupano la maggior parte della sua giornata. Scopriamo insieme quali sono…

  • E’ sempre on line.
  • Posta immagini o video di esperienze particolari e non comuni.
  • Pubblica almeno una foto al giorno con elementi ritenuti d’appeal per chi è tra i suoi contatti
  • Commenta o scrive frasi su un argomento del giorno e gettonato in rete.
  • Si tagga in situazioni e contesti che crede essere “giusti”.
  • Si localizza nelle località e nei luoghi più alla moda.
  • Si cimenta nella “caccia al follower”
  • Mostra smodato esibizionismo.
  • Dà un’immagine virtuale di sé che non corrisponde alla realtà.
  • Tende ad emulare chi ha un buon seguito in rete e ritiene in linea con i suoi standard.

Se vi rispecchiate in questa mini guida descrittiva, non c’è dubbio, siete un narcisista vulnerabile potenzialmente social dipendente.

In fondo, però, c’è un’ altra faccia della medaglia e un’altra grande verità: a chi non piace essere ammirati e stimati dagli altri? Chi è senza peccato scagli la prima pietra… o il primo like!

Articoli correlati: