fbpx
Evidenza / Gossip / People

Morgan accusato di stalking: la Procura di Monza chiede il rinvio a giudizio

24 Marzo 21 / Scritto da:

La Procura di Monza ha chiesto nei confronti del noto cantautore e artista il rinvio a giudizio con accuse di stalking e diffamazione

La Procura di Monza ha chiesto il rinvio a giudizio per Morgan, al secolo Marco Castoldi, con accuse di stalking e diffamazione.

I fatti contestati risalgono al periodo tra aprile e dicembre 2020. In quel periodo Morgan, 48 anni, ha avuto una relazione sentimentale con una una trentaduenne sua collega, già voce in una rock band formatasi a Milano, e ora anche cantautrice con un album solista all’attivo. Il suo era un comportamento molesto e inopportuno basato su chiamate continue, messaggi e tentativi di prendere contatti con la vittima.

Morgan aveva già raccontato l’episodio sui suoi canali social, banalizzando la vicenda e affermando di essere stato solo un “poeta gentile”. Stando però alla documentazione in mano alla Procura, l’artista avrebbe anche minacciato la sua ex di diffondere un suo video personale e l’avrebbe diffamata attraverso insinuazioni volgari, esternate nella chat di un gruppo WhatsApp. Non solo: nel tentativo di comunicare con lei, Morgan avrebbe finto di essere un famoso rapper-cantante italiano interessato a una collaborazione artistica.

Gli avvocati di Morgan, Rossella Gallo e Leonardo Cammarata, minimizzano la decisione della Procura: “Si tratta di due persone legate da un rapporto di conoscenza decennale, e da un forte legame affettivo, durante il quale si frequentavano alla luce del sole. Il nostro assistito ha solo scritto dei messaggi, spesso indiretti. Nei suoi confronti non è stata adottato alcun provvedimento, perché non ci sono profili di pericolosità, valuteremo la strategia difensiva in vista dell’udienza di maggio”. Gli avvocati della vittima, invece, non si esprimono preferendo rimettere ogni aspetto della vicenda in ambito processuale.

Intanto, Morgan non ha rilasciato alcuna dichiarazione in merito al provvedimento della Procura e continua ad usare i social con l’intento di condividere la sua creatività ed il suo talento.