fbpx
26 LUGLIO - People

Budapest, Simona Quadarella: “Ci ho sempre creduto”

Scritto da:

La romana ha portato a casa il suo primo bronzo mondiale

A fine gara piange Simona Quadarella ed è il più bel regalo che potesse fare allo sport, più della sua medaglia di bronzo nei 1500 stile libero ai Mondiali di nuoto a Budapest.

Le sue lacrime sono di gioia e sono l’emozione di una ragazza di 18 anni alla sua prima medaglia mondiale, sono le lacrime di una ragazza come tante che non ci crede, che non realizza quello che ha appena fatto e che con la sua ingenuità si presenta nel migliore dei modi all’Italia sportiva e al mondo.

Simona ha portato a casa un’altra vittoria dopo aver conseguito l’esame di maturità. É terza a Budapest davanti a lei due campionesse come Katie Ledecky e la spagnola Belmonte Garcia.

Volevo divertirmi e ci sono riuscita🎉 è un'emozione incredibile grazie a tutti per il sostegno ed i complimenti!💪❤💣#bronzemedal#1500#atletidao#HeretoCreate#adidas#adidasita

A post shared by simona quadarella (@simonaaquadarella) on

A distanza di anni, la vittoria della romana ricorda l’altra concittadina Alessia Filippi che proprio dei 1500 era stata regina ai mondiali di Roma 2009. Simona eredita così qualcosa di importante e lo fa al momento giusto, visto che dalle prossime Olimpiadi, Tokyo 2020, i 1500 al femminile saranno gara utile per conquistare qualche medaglia.

Leggi anche: Budapest, prima medaglia dal nuoto in vasca: ecco chi è Gabriele Detti

Simona è una delle più giovani della squadra ma ci ha creduto nonostante la “scarsa” esperienza: “Era un anno che ci credevo, ci ho sempre creduto. Mi sembrava impossibile… Sì abbiamo speso tanto per questo, è incredibile”.

Questa medaglia mondiale fa ben sperare per il futuro e per il movimento italiano che negli ultimi hanno ha potuto godere solo delle vittorie di Federica Pellegrini.

Strepitosa Simonaaaa! Ai Mondiali #FINABudapest2017 la giovane azzurra @simonaaquadarella conquista un incredibile BRONZO🥉nei 1500 stile libero! 👏🇮🇹🏊‍♀️ #nuoto #swimming @federnuoto

A post shared by CONI (@conisocial) on

 

 

Articoli correlati: