04 NOVEMBRE - Lifestyle / People

“Le bugie uccidono”: il libro di Vanessa Incontrada con la mamma Alicia

Scritto da:

Edito da ‘La Nave di Teseo +’ è il secondo libro della spagnola

A quattro anni di distanza da “Insegnami a Volare” libro d’esordio di Vanessa Incontrada e della mamma Alicia Soler Noguera le due tornano il libreria con un volume scritto a quattro mani “Le Bugie Uccidono” edito da “La Nave di Teseo +”

View this post on Instagram

Senza fiato 😉 Besitos Amigos 😙🦋 . . Il mio nuovo libro "Le bugie uccidono" è disponibile online su Besitos Shop 📙😉 . . Ph: @giovanni_gastel Abiti: @elena_miro . . Scopri di più su Shop.Besitos.it . . . #VaneLibro #lebugieuccidono

A post shared by Vanessa Incontrada (@vanessa_incontrada) on

Sinossi

“Victoria non avrebbe mai dimenticato il 29 maggio 2012. Niente avrebbe potuto cancellare il ricordo del suo primo incontro con il commissario Carrera.” Quel maledetto martedì 29 maggio 2012, Victoria Neri, fotografa spagnola, proprietaria, insieme al suo amico Mirco Galanti, del fotostudio Galanti&Neri, non potrà mai dimenticarlo. È il giorno del terremoto a Milano e lei, incinta di appena tre mesi, sta per andare a pranzo con Bibiana Clos, la sua migliore amica dai tempi dell’infanzia. Al pranzo però non ci arriverà mai perché poco prima dell’incontro, il commissario Giovanni Carrara arriva nel suo studio e chiede di vederla. La notizia che deve darle è sconvolgente e le cambierà la vita per sempre. Bibiana, modella spagnola, è stata trovata morta nel suo appartamento dopo avere ingerito una massiccia dose di barbiturici. Almeno così pare. La sua amica non c’è più. Per Victoria è uno shock che la lascia stordita e incredula. Avrebbero dovuto pranzare insieme, si erano sentite proprio la sera prima e c’era qualcosa che angustiava Bibiana e di cui voleva parlarle proprio quel giorno. Il commissario è dispiaciuto, ma non ha dubbi: si è trattato di suicidio. Victoria invece si rifiuta di crederlo. Mai e poi mai la sua amica, così vivace ed esuberante, si sarebbe tolta la vita. Ma chi poteva odiarla a tal punto da volerla morta? Le indagini della fotografa per le autrici diventano il pretesto per scavare nel passato delle due amiche, per ripercorrerne l’esistenza, le scelte fatte, i rapporti famigliari mai del tutto pacificati. Attraverso un linguaggio attento, emozionale, che alterna il tempo presente a quello passato, da quando, ancora ragazzine, vivevano entrambe a Barcellona, riportano sapientemente alla luce ricordi della loro giovinezza, le sensazioni, gli amori fino a riportare a galla la verità.

Il volume è già disponibile nelle librerie e a differenza del primo libro scritto da madre e figlia questo è meno autobiografico e si concentra sull’amicizia tra due giovani donne. Un nuovo progetto per la Incontrada che negli ultimi mesi è stata, vittima di episodi di body shaming ovvero di insulti e critiche per la sua forma fisica.

View this post on Instagram

Oggi è il giorno che vi racconto…#LeBugieUccidono Besitos Amigos 😙🦋 . . . Disponibile in tutte le librerie 😉 #VaneLibro 📕

A post shared by Vanessa Incontrada (@vanessa_incontrada) on

 

Articoli correlati: