15 SETTEMBRE - People

L’amicizia ‘speciale’ di Bebe Vio e Jovanotti

Scritto da:

Alle Paralimpiadi Beatrice Vio vince l’oro. Una giornata speciale, celebrata anche dall’amico Jovanotti

 

Lei ragazza magica, lui cantante speciale che le ha dedicato una canzone. Stiamo parlando della neo campionessa paralimpicaBeatrice Vio e di Lorenzo Cherubini, alias Jovanotti.

I due sono amici da un po’. Lei è una sua fan, si sono conosciuti durante un concerto di Jova a Conegliano. “Qual è la tua canzone preferita” – chiese lui “Ragazzo fortunato” rispose lei. Un minuto dopo sul palco la dedica del cantante: “Questa è per te“. La biografia di Bebe, non a caso, si chiama proprio “Mi hanno regalato un sogno” celebre verso della canzone.

Ma non finisce qui. A giugno in occasione dei Giochi Senza Barriere 2016, Jovanotti ha creato una canzone ad hoc per Beatrice e per l’associazione ART4sport di Mogliano. Ieri Beatrice, appena 19 anni, ha conquistato la medaglia del metallo più importante, l’oro nel fioretto categoria B.

In pedana, dopo l’ultima stoccata ha mostrato il suo entusiasmo, la sua grinta e la sua voglia di vivere, perché Bebe ha energia da vendere: «Per due giorni ho tirato malissimo, poi ieri e l’altro ieri andava un po’ meglio. Ieri ho cantato due ore Jovanotti sul balcone, sembravo una pazza – ha dichiarato dopo la gara – Ero gasata, non vedevo l’ora di salire su quella pedana e ora non voglio più scendere.»

Jovanotti non ha perso tempo e sui social si è subito complimentato:

ORO!!!! @bebe_vio ce l'hai fatta sorellina!!!! siamo tutti fieri di te!!!! #ragazzamagica #paralimpiadi @rio2016 @art4sportonlus #grande ????

A photo posted by lorenzojova (@lorenzojova) on

Bebe ieri ha conquistato il cuore di tutti. Se si guardano gli ultimi minuti di gara non si può rimanere immuni a una prova di coraggio del genere, a una prova che insegna che spesso le difficoltà sono più nella nostra testa che nella realtà.

Jovanotti lo sa bene e nella sua autobiografia (nella prefazione) ha scritto una cosa giusta: “ Bebe ci costringe a essere migliori“. Quando aveva 11 anni, a causa di una meningite acuta, le sono stati amputati gli avambracci e le gambe al di sotto delle ginocchia. Si è aggrappata alla vita con il poco che le rimaneva perché come intona il cantante di Cortona “è una ragazza magica.”

 

 

 

 

 

 

Articoli correlati: