fbpx
15 LUGLIO - Lifestyle / People

La Regina Elisabetta mette in produzione il suo Gin

Scritto da:

La bevanda è in vendita al prezzo di 40 £

Non è mai troppo tardi per lanciarsi nel mondo degli affari. La Regina Elisabetta ha lanciato la produzione di un suo Gin messo anche in vendita al prezzo di 40 £. Le bevanda si dice sia una delle sue preferite e si racconta sia stata anche molto apprezzata anche dalla Regina Madre.

Secondo alcune dichiarazioni dell’ex chef della famiglia Reale Darren McGrady, Elisabetta II sarebbe solita bere il gin mischiato con il Dubonnet ovvero un liquore francese prima di pranzo.

View this post on Instagram

PRE-ORDER TODAY Any orders that are placed online and contain gin will not be dispatched until Monday 31st August. Presenting the launch of our Buckingham Palace gin. The spirit has a unique royal origin, with many of its citrus and herbal notes sourced from botanicals gathered in the Buckingham Palace Gardens. Lemon verbena, hawthorn berries and mulberry leaves are among the 12 botanicals hand-picked for the gin in the Gardens at Buckingham Palace, which span 16 hectares and provide a habitat for 30 species of bird and over 250 species of wild flower. For the perfect summer thirst-quencher, the recommended serving method is to pour a measure of the gin into an ice-filled short tumbler before topping up with tonic and garnishing with a slice of lemon. #buckinghampalacegin #ginandtonic #gin #buckinghampalacegardens #buckinghampalace Shop with us at www.royalcollectionshop.co.uk

A post shared by Buckingham Palace Shop (@buckinghampalaceshop) on

Il Gin prodotto dalla Royal Family è realizzato con gli ingredienti colti nel giardino di Buckingham Palace, che racchiude una vastità di piante utili anche per la produzione di alcolici. Sono dodici le botaniche che compongono il ” Buckingham Palace gin” e come si legge sull’etichetta: “Il tutto raccolto a mano per creare un prodotto unico e gustoso. È perfetto per rinfrescarsi in estate, servito in un bicchiere ghiacciato e accompagnato da acqua tonica e una scorza di limone”.

La scelta di dar vita a questa produzione nascerebbe anche come conseguenza economica per evitare licenziamenti e ulteriori perdite a causa dell’emergenza sanitaria.

Buckingham Palace e le altre residente non saranno visitabili fino al 23 luglio e questo potrebbe non bastare a rimpinguare le cassa della famiglia inglese.

Articoli correlati: