11 APRILE - Interviste

Le Perle di Pinna:”Bevete un cocktail con me!”

Scritto da:

Al Blanco Milano arrivano i bicchieri con le frasi che non avete il coraggio di dire alle persone con cui uscite…
Abbiamo incontrato Andrea Pinna nel locale Blanco, a Milano, in occasione dell’inaugurazione del nuovo dehors (realizzato dallo studio BerteroProjects) e abbiamo capito che dietro “Le Perle di Pinna” non si nasconde nessuno: Andrea è proprio così!

Perle di Pinna

Per l’occasione Blanco Milano, insieme ad Andrea Pinna, ha creato una nuova collezione di bicchieri in edizione limitata per i quali le Perle di Pinna ha ideato delle frasi ad ok, secondo la cifra irriverente e ironica che lo contraddistingue. Volete degli esempi?
“Uscire per un drink veloce e tornare il giorno dopo”.
“In settimana fighe di legno. Nel weekend senza ritegno”.
“E anche oggi si limona domani”.
Andrea Pinna, in arte Le Perle di Pinna, con i suoi “status” taglienti ha ormai conquistato tutti. Non solo il mondo dei social, perché come ci ha raccontato, ormai è entrato anche nei salotti delle persone. Ha 28 anni, origini sarde e milanese di adozione, dispensa aforismi divertenti sull’amore e su ogni aspetto della vita che gli capita di vivere. Scrittore e autore che ha conquistato il web con oltre 380k fans su Facebook e oltre 390k su Instagram, insieme a Roberto Bertolini, ha vinto l’ultima edizione di “Pechino Express”. Andrea è anche l’autore di “L’amore è eterno finchè è duro”, edito per Mondadori.
Avvolti dall’atmosfera rosa del Blanco abbiamo parlato di temi su cui Andrea scrive spesso. Poi ci ha raccontato della sorella che gli fa perdere follower, del suo cocktail preferito e gli abbiamo chiesto le le differenze che ha riscontrato tra i follower sui social e i telespettatori, leggete un po’ cosa ci ha detto.

Andrea pinna

 

Qual è il cocktail che berresti nei bicchieri nati dalla collaborazione con Blanco?
“In realtà al Blanco fanno dei cocktail buonissimi, super ricercati, ma io sono un ragazzo anni ’90 e bevo vodka Redbull, quindi tutta la bravura di Fabio – il barman con i capelli blu specifica Andrea, ndr – con me non serve a nulla! E lui puntualmente, prendendomi in giro, mi dice ‘Sei proprio un terrone!’. Comunque in questi bicchieri si devono bere dei drink non scuri, perché sennò non si vede la scritta!”
Se dovessi descrivere Pinna con una Perla, quale sarebbe?
“Siccome io scrivo stronzate e amo la vita ma le remo contro, il mio aforisma preferito è di Virginia Wolf, che infatti è morta suicida. Disse ‘La vita è un incubo da cui ci si sveglia morendo’ e io trovo che sia di una genialità unica. A me ha davvero cambiato la vita, quando la lessi il primo pensiero fu: ‘Ecco lei della vita ha capito tutto!’. Quindi tu la vita la vivi ma alla fine la risposta filosofica è quella, quindi, alla fine, sai che c’è… c’è sempre chi sta peggio di me!”
Una parola che ti esce dal cuore per chi indossa le Hogan?
“Spero che tu sia un ipovedente o focomelico!
Tra l’altro,proprio in questi giorni mia sorella ha pubblicato una foto con il suo nuovo cane che si chiama Nala, un labrador bellissimo, peccato che nella foto avesse le Hogan proprio mia sorella … io disperato le ho detto ‘Mi fai perdere follower!’ e sai che mi ha risposto? ‘A me del tuo lavoro non interessa, perché tu non lavori!!!’. Lei fa il medico, salva bambini, capisci?!”

Le perle di pinna

 

Cosa fa rima con lunedì?
“Mercoledì. Ho scoperto una cosa qui al Blanco, siccome io , anche se sembra che non lavori, in realtà ho un lavoro normale, tipo oggi sembra già venerdì… ma di base il lunedì non esiste. Quando io vengo qui al Blanco e dico: ‘Ma ragazzi non potete bere di martedì’, loro rispondono ‘Vabbè da qualche parte nel mondo sarà sabato!’ quindi questa è la mia risposta, e poi giorni sono come l’estate: una forma mentis”
Se dovessi descriverti con un hashtag?
“‘#Povera cessah’ (con la h finale perché è umoristico, non lo penso veramente!), anzi, direi povera sicuro, cessa dipende dai gusti!”
Tv vs social: perché è diversa la notorietà che danno?
“Pechino Express mi ha dato una faccia. Io avevo la visibilità ma non avevo la faccia. La gente seguiva ‘Le perle di Pinna’ ma pensava che Pinna fosse una donna. Pechino mi è servito per spiegargli che Pinna è una donna, no scherzo, però davvero ora le persone conoscono il mio volto!”
Quindi la televisione non ha perso importanza rispetto ai social?
“La differenza è che a parità di follower, i miei follower avevano imbarazzo a fermarmi perché comunque mi avevano conosciuto tramite il web, dopo averti visto in tv, invece, ti abbracciano, ti fermano, ti salutano. Adesso li incontro per strada mi salutano calorosamente e penso ‘E ora chi è questo?!’. La tv a differenza dei social scavalca un limite: quello della confidenza. Se incontri Maria De Filippi, ad esempio, la fermi e le chiedi pure come stai, anche se lei penserà ‘Ma che vuoi? Ma chi sei?!’. La tv da il diritto di abbracciare chi entra nei salotti delle persone. La prima volta che delle ragazzine mi hanno abbracciato ero felicissimo, (perché nella vita Mai una gioia!), ma allo stesso tempo un po’ sorpreso … si crea un’intimità particolare”.

E quando ci salutiamo, Andrea specifica che ha bevuto un po’ di Spritz (non vi diremo quanti!) e che al Blanco li fanno fortissimi, ci lascia con un’ultima perla: “Se sei intelligente lo sei anche dopo aver bevuto”. E tutto quello che ha affermato è solo un’ulteriore conferma!

 

Articoli correlati: