08 GENNAIO - Gossip

Sara Affi Fella: «Le telecamere erano la mia droga. Scusa Maria»

Scritto da:

Sulle pagine del settimanale “Chi”

Un detto dice “Chi non muore si rivede” e il motto è più che appropriato per Sara Affi Fella, travolta dalle sue stesse bugie e dalla recita messa in scena gli scorsi mesi a “Uomini e Donne”, durante il suo percorso come tronista.

La ragazza, rea di non aver mai lasciato il fidanzato Nicola Panico e di aver partecipato mentendo alla trasmissione di Maria De Filippi, prima ha perso tutte le sponsorizzazioni e i followers su Instagram poi ha cancellato il social.

A sorpresa così sulle pagine di “Chi” ha rotto il silenzio e ha chiesto ufficialmente scusa:

Maria De Filippi perdonami, ho mentito mentre ero a “Uomini e Donne”. Ma ero drogata di telecamera. Dopo che lo scandalo è esploso sono stata male fisicamente e ho subito minacce. Vi prego, voglio tornare a vivere. Non passo per la vittima. Non passo per l’ingenua che ha sbagliato a causa della giovane età, né per la scalatrice sociale disposta a tutto per fama e soldi. Metto la faccia e chiedo scusa. Chiedo scusa a Maria De Filippi, alla redazione di Uomini e Donne, insomma, a tutti. Ho tradito la loro fiducia. Quando ero sul trono ero ancora fidanzata con Nicola, ma non avevo il coraggio di dirlo a chi mi stava offrendo un’opportunità.

La ragazza ha poi detto la sua versione dei fatti parlando anche dell’ormai ex Nicola:

Più volte ho detto a Nicola che volevo lasciare, lui mi diceva: “Continua perché è un’opportunità”. Dovevo ascoltare me stessa. Non ho avuto la forza, anzi ne ho approfittato come se fossi “drogata” dalla tv. Quando è scoppiato lo scandalo sono stata male. Ho ricevuto minacce, sono diventata anoressica. Ora mi sta seguendo uno psicologo. E’ stato tutto un colossale errore. Ma voglio riprendere la mia vita. Mi sono fatta schifo, non volevo più essere Sara. Non cerco di nuovo fama e popolarità, ma voglio andare a prendermi un caffè senza gli sguardi d’odio della gente. Abbiate pietà. C’è stato un momento in cui non volevo essere più Sara, ho odiato me stessa, mi sono fatta schifo. Ma ripeto: abbiate pietà.

 

Articoli correlati: