fbpx
01 AGOSTO - Gossip

Belen Rodriguez come Charlotte (Lotte) de “I dolori del giovane Werther”

Scritto da:

La showgirl bella e dall’animo ingenuo proprio come Charlotte

Al centro della cronaca rosa di questi giorni, Belen Rodriguez, si potrebbe paragonare al personaggio femminile di Charlotte (Lotte) de “I dolori del giovane Werther” di Johann Wolfgang Goethe. Una donna bella, scura di capelli e di occhi, dotata di una sensibilità rara, dall’animo ingenuo, ma al contempo, coraggiosa, intelligente e responsabile. Stefano De Martino come Albert, che rappresenta la razionalità, l’uomo saggio, calmo e punto di riferimento per la moglie.

View this post on Instagram

Lᴀsᴛ ᴅᴀʏ ɪɴ ɪʙɪᴢᴀ @ema.bia #emabia #suppliedby

A post shared by 𝑩𝒆𝒍𝒆𝒏 (@belenrodriguezreal) on

Gianmaria Antinolfi come il protagonista Werther, ragazzo proveniente da una buona famiglia, che ben presto dimostra le sue caratteristiche con una precisa propensione a farsi rapire dai sentimenti.

Lui era in cerca di notorietà e ha sfruttato l’immagine di Belen per farsi conoscere? Eppure Dayane Mello aveva messo in guardia la conduttrice di Tu si que vales. Lo aveva fatto perché lei prima di Belen aveva frequentato Gianmaria Antinolfi, manager napoletano.

«Stai attenta, Antinolfi frequentava me quando ti corteggiava!», aveva detto al settimanale “Chi”. E la Mello aveva aggiunto: «Apri gli occhi! Lo frequentavo da circa un mese e mezzo. È venuto a Milano e mi ha detto che doveva uscire per una cena di lavoro. Poi ho scoperto che a quella cena c’era Belen. Da quel momento di colpo è diventato strano e senza preavvisi mi ha mandato un sms per lasciarmi. Poi ho capito che aveva il piede in due scarpe… e pensare che avevo conosciuto anche la sua bella famiglia! Non lo dico perché io stia soffrendo, ma solo perché penso che lui sia solo affamato di popolarità…».

E’ riuscito nel suo intento. Ha avuto quel brevissimo momento di “gloria” grazie a Belen finendo sui giornali. Le sue foto hanno riempito intere pagine e adesso? Per lui si ritorna alla normalità, tra selfie e foto tessere scattate alla macchinetta della stazione di Napoli a piazza Garibaldi.

Articoli correlati: