fbpx
Gossip / People

Aurora Ramazzotti: “Per me parlare di sesso è sempre stato normale”

18 Aprile 21 / Scritto da:

Nella sua consueta “Rubrichetta”, Aurora Ramazzotti ha risposto alle domande dei fan fino a quando una ha fatto scoprire un lato di lei

La fine della settimana per Aurora Ramazzotti coincide con la “Rubrichetta”, un domanda e risposta tra lei e la sua community su temi che riguardano i sentimenti, il sesso, l’amor di sé e altre curiosità simili.

Questo spazio è molto seguito e nel tempo riesce ad appassionare soprattutto per il modo in cui risponde la giovane presentatrice che ama farlo usando la creatività quindi tra video, meme e gif ma mettendoci sempre del suo. La “Rubrichetta”, in definitiva, è una sorta di posta del cuore 2.0 nella quale la differenza è data dal destinatario che risponde ossia Aurora Ramazzotti.

Di solito, la “Rubrichetta” è ogni sabato ma la giovane presentatrice cambia giorno e ora a seconda dei suoi impegni personali e lavorativi. Per questa settimana la “Rubrichetta” si è tenuta domenica mattina e Aurora Ramazzotti come sempre ha risposto senza inibizioni, con schiettezza e anche con profondità. Ciò che sorprende è che spesso la giovane presentatrice parla di tutto senza problemi, consapevole che i genitori la seguono e possono sentirla commentare. Ad esempio oggi per rispondere ad una domanda, ha mostrato tutta la sua collezione di vibratori per avvalorare la sua risposta e la sua posizione in merito alla masturbazione.

Una domanda è arrivata che incuriosisce più di tutte perché ha fatto luce sulla serenità di parlare di sesso di Aurora Ramazzotti nonostante venga seguita e ascoltata anche dai genitori. Un follower ha chiesto: “Non ti senti a disagio ad affrontare alcuni argomenti soprattutto davanti ai tuoi genitori?”. Immediata è stata la risposta di Aurora Ramazzotti: “Per me parlare di sesso è sempre stato normale. Sicuramente è merito anche di come mi hanno cresciuta i miei genitori. Non l’ho mai vissuto come qualcosa di strano o da nascondere, anzi. Sogno un mondo in cui tutte le famiglie possano parlare apertamente di sesso e tante altre tematiche che la società ci porta a temere”.