08 MAGGIO - Gossip / Interviste / People / Televisione

Luigi Oliva: “Sono stato contattato da fantomatici figli adottivi di Pamela Prati e Mark Caltagirone”

Scritto da:

In esclusiva l’ex della showgirl ha confidato: “Pamela è fragile, mi dispiace per lei e se avesse bisogno di me sono qui!”

Oggi, ci sarebbe dovuto essere il tanto chiacchierato matrimonio tra Mark Caltagirone e Pamela Prati. Abbiamo contattato Luigi Oliva, il suo ultimo ex fidanzato e ci ha raccontato come è iniziato tutto. Ha un’azienda di automobili di lusso da tantissimi anni ed è un immobiliare. Ha 47 anni e si divide tra Brescia e Napoli, la sua città. Ultimamente è balzato alle cronache per la sua relazione con Pamela Prati. “Ex- ci tiene a precisare- Pamela l’ho conosciuta a Capri due estati fa ad agosto, nel locale ‘Anema e core. Poi a gennaio ho visto delle cose che non mi sono piaciute, l’ho lasciata a Roma e non sono più tornato. Tra di noi è finita male”.

Con Pamela Prati non vi siete più sentiti?

“No, lei diceva di essere innamorata di me e mi ha cercato fino a giugno. Ha anche scritto al mio migliore amico e poi basta, io non me la sono più sentita di proseguire questa relazione. Lei diceva di star male, ma non so se è vero o no”.

Che opinione si è fatto del matrimonio con Mark Caltagirone? 

“Sono molto dispiaciuto e preoccupato per Pamela. Anche se abbiamo avuto grossi diverbi, questa è una pagina molto triste di gossip e di televisione. Non so perché e come Pamela si sia trovata in questo vortice veramente infelice, lei alla fine è una persona molto debole… e anche un po’ sola”.

È stata ingannata o era consapevole?

“Non lo so, ma sicuramente qualcuno l’ha beccata in un momento debole della sua vita. Io ho sentito che lei ha dichiarato di aver conosciuto Mark (Caltagirone, ndr), mentre altre persone come Alfonso Signorini, Manuela Arcuri o Sara Varone hanno detto di non averlo mai incontrato di persona. Lei, invece, ha detto addirittura che l’ha conosciuto. Mi sono arrivati persino messaggi di fantomatici figli, da un certo Sebastian, sicuramente si tratta di un profilo falso da cui mi scrivevano: “Hai ferito mia madre”. Ci rendiamo conto?”.

Come è stato coinvolto in questo polverone mediatico?

“Tutto nasce da una chiamata di Mara Venier, dopo l’intervista che ha fatto a Pamela mi ha chiesto se fosse vero che mi avesse visto tre volte. ‘Stiamo scherzando? Abbiamo passato il Natale insieme con i parenti, è stata a casa mia ed è stata l’unica donna a cui ho presentato mia figlia. Sono molto dispiaciuto e preoccupato perché è una persona a cui ho voluto bene e non posso cancellarla. Ho provato un sentimento vero. Ero innamorato di lei. Sono molto cattolico, andavamo spesso in chiesa insieme e ancora non posso credere a quello che è successo. Io l’ho conosciuta e penso di conoscerla. Lo immaginavano tutti che questo matrimonio non si faceva. Ormai è diventata una barzelletta. Vederla prendere in giro alle Iene, al Maurizio Costanzo Show, a me fa male”.

E le sue agenti?

“Io non le avevo viste, le ho conosciute quando non erano ancora le sue agenti in una pizzeria a Roma nel periodo di Natale. Io ho conosciuto bene Settimio Colangelo, il suo ex agente è una persona seria. Io queste due non le ho mai viste, non so chi siano, ma non mi sembrano affatto raccomandabili. Sono subentrate dopo gennaio, penso a marzo 2018. Io oggi, però, nonostante tutto quello che è successo, magari due mesi fa no, ma oggi ci sarei per lei se venisse a chiedere aiuto. Col cuore, però, dico che mi dispiace molto”.

La riconosci nelle parole apparse nei titoli di giornale?

Non mi riesco a spiegare perchè sia diventata complice. Una donna come lei, che ha 60 anni e non li dimostra, che diventa complice insieme ad altre due…a livello legale è una vera e propria associazione. Un conto era dire che aveva conosciuto una persona tramite internet, ma parlare di matrimonio, dire di far colazione tutte le mattine insieme, mettere persino in mezzo dei figli… diceva che Caltagirone era il padre dei suoi figli adottivi… mi sembra indemoniata!”.

 

Riproduzione riservata©

Articoli correlati: