fbpx
Gossip / People

Diletta Leotta: le foto del bacio con Ryan Friedkin e la verità su Can Yaman

28 Aprile 21 / Scritto da:

Dopo il lungo post che Diletta Leotta ha scritto su Instagram, il settimanale Oggi ha pubblicato delle foto del bacio con Ryan Friedkin

Con un post su Instagram, ieri Diletta Leotta ha espresso il suo disappunto sul modo in cui viene raccontata sui giornali. Sfogandosi, si è detta stufa di essere etichettata come una mangiauomini, solo perché viene avvistata con un uomo.

La dichiarazione di Diletta Leotta è arrivata dopo una serie di rumors che nel corso delle settimane si sono susseguiti. In base a queste voci, Diletta Leotta non si sarebbe più sposata con Can Yaman e avrebbe iniziato una relazione con Ryan Friedkin, figlio del proprietario della Roma. Non sono bastate le parole utilizzate da Diletta Leotta per smentire quanto si diceva su di lei e l’attore turco quando ha ricevuto il tapiro d’oro.

A distanza di ore dal post – sfogo, il settimanale Oggi ha pubblicato delle foto della conduttrice di Dazn nelle quali bacia proprio Ryan Friedkin, l’uomo che sarebbe protagonista del nuovo flirt di Diletta Leotta. Le foto in cui i due si baciano risalgono circa a cinque mesi fa: sono state scattate il 20 dicembre scorso. Le foto avallano quanto sostenuto da Dagospia ossia che Diletta Leotta avrebbe una nuova relazione con il figlio del proprietario della Roma.

E Can Yaman? A parlare della storia tra l’attore turco e la conduttrice di Dazn è il fratello di quest’ultima, ossia Mirko Manola. In un’intervista rilasciata a Io Donna, il chirurgo plastico ha dichiarato: “Can è un gran bravo ragazzo, simpatico, il loro è un rapporto vero. Non credete a chi insinua che il loro sia un legame solo mediatico”. Il fratelo di Diletta Leotta fa il tipo per Can Yaman e conferma che il legame è sincero, aggiungendo: “Nessuno dei due ha bisogno di farsi pubblicità, anzi. Forse il problema è proprio il contrario, ovvero che sono una coppia troppo perfetta e troppo bella e forse questo dà fastidio, causa qualche invidia”.