31 OTTOBRE - News / People

Cristiano Ronaldo: l’importanza di essere determinanti

Scritto da:

Il portoghese ha segnato al 95° su rigore consentendo alla Juve di mantenere la vetta della classifica

Contro il Lecce, quando la Juve, nel turno infrasettimanale ha pareggiato,  Cristiano Ronaldo non c’era. Maurizio Sarri aveva preferito tenere a riposo il portoghese che invece nella 10° giornata, in casa contro il rinato Genoa di Thiago Motta, c’è stato, eccome se c’è stato.

Cristiano Ronaldo, parliamoci chiaro, è stato acquistato un anno fa con l’obiettivo di portare a Torino quella Champions che non solo è diventato uno obiettivo ma quasi una ossessione con troppe finali perse quando il trofeo sembrava ormai in tasca. La coppa dalle grandi orecchie è ancora in cima alla lista dei desideri ma c’è anche il campionato a cui pensare.

Dopo la vittoria dell’Inter contro il Brescia i bianconeri erano chiamati a dare una risposta. La prestazione, così come quella dei nerazzurri, non è stata delle migliori ma i 3 punti e la vetta della classifica sono stati salvati. I bianconeri ringraziano Cristiano Ronaldo, decisivo con il suo rigore realizzato (e procurato) al 95° sull’uno a uno, con la classica freddezza e sicurezza che contraddistingue il calciatore.

View this post on Instagram

#finoallafine 👍🏽💪🏽

A post shared by Cristiano Ronaldo (@cristiano) on

Fino a quel momento in pagella Cristiano Ronaldo non avrebbe ottenuto un buon vuoto, ma ai grandi campioni si sa, basta un guizzo, un episodio per risolvere tutto. Il numero 7 così nel giro di pochi secondi ha regalato una vittoria importante che consente alla squadra di Sarri di mantenere i due punti di vantaggio sull’Inter di Antonio Conte.

Articoli correlati: