11 MAGGIO - Interviste / People

Carmen Carfora e il “caso” Prati: “Non riesco a capire se sia più vittima o carnefice!” 

Scritto da:

Parla la Luxury Event Manager & Wedding Planner 

Abbiamo incontrato la Luxury Event Manager & Wedding Planner Carmen Carfora che, sui social, si divide tra i  commenti degli addetti ai lavori che attaccano Pamela Prati e i media che, ogni giorno,  portano alla luce dettagli scottanti sulla vita privata della showgirl; la wedding planner ci racconta il suo punto di vista, quello da professionista e quello da “mamma”.

View this post on Instagram

Una meravigliosa domenica di Pasqua in compagnia di amici e parenti! Cosa c’è di più bello? #HappyEaster #EasterDay #Easter #Sunday #Caserta @sunsroyalparkcaserta

A post shared by Carmen Carfora (@carmen.carfora) on

Ho sempre stimato Pamela Prati, sia come donna che come  personaggio pubblico. Purtroppo, il caso che la vede protagonista in questi giorni sta portando alla luce una Pamela Prati diversa, macchinosa e incline alla menzogna.Per indole – continua la Wedding Planner – cerco di essere sempre solidale con le donne e provo ad immedesimarmi in certi atteggiamenti e dinamiche ma, a volte, mi riesce difficile comprenderne appieno le motivazioni.

Pensi che Pamela Prati sia vittima di se stessa o vuoi darle il beneficio del dubbio? 

La verità, probabilmente, non la sapremo mai! Non riesco ancora a capire se Pamela sia più vittima o carnefice. Il mondo dello spettacolo è complesso e oscilla tra mezze verità e bugie che, spesso, determinano la credibilità di un personaggio. In questo caso specifico ho un parere da addetta ai lavori ed uno da mamma.

La Carmen Carfora Luxury Event Manager & Wedding Planner cosa ne pensa? È solidale con i colleghi che Pamela Prati avrebbe “truffato” ? 

Da professionista reputo l’atteggiamento di Pamela Prati poco educato e rispettoso. Organizzare un matrimonio è dispendioso, sia in termini economici che in termini di tempo. Il tempo, per me, è un vero lusso e coloro che non ne portano rispetto fanno parte di una “black list”! Se avessi organizzato un matrimonio, con la precisione e la dedizione che rappresentano me e il mio team, certamente avrei adottato i dovuti accorgimenti. I miei clienti sono tutti uguali e non stanno su una scala di priorità: da Pamela Prati alla vicina di casa, non fa alcuna differenza!

Da mamma invece? Cosa ne pensi?

Più che mamma potrei essere una sorella per Pamela Prati e, da “sorella” sono molto dispiaciuta. Immagino quanto tormento possa esserci in lei per arrivare a fare tutto questo o, al contrario, quanto dispiacere se l’intera faccenda fosse solo una grande messa in scena dei media. In ambo i casi, da donna, le sono solidale e, in me, troverà sempre una spalla su cui piangere e una persona con cui sfogarsi.

Sappiamo che oltre ad essere una quotatissima wedding planner sei anche una donna di fede: cosa consiglieresti di fare a Pamela Prati per superare questo periodo ?

Come Pamela anche io ho avuto momenti no nella vita. Periodi in cui ti trovi in un buco nero da cui sembra che non ci sia via di uscita. Nel mio caso ho avuto supporto da sacerdote (Padre Justin), oggi mio caro amico, che è riuscito a mostrarmi la luce e a fare in modo che la mia vita tornasse a splendere. Ecco, forse porterei Pamela a fare due chiacchiere con lui; sono certa che, con il tempo, tutta la negatività di questo brutto periodo farà spazio a nuove energie, positive e piene d’amore!”

Articoli correlati: