22 OTTOBRE - Accessori / Moda / News

Arriva “Virgo” la piattaforma che smaschera le borse false

Scritto da:

Verificare e certificare l’autenticità dei beni di lusso non è mai stato così facile

Quante volte ci siamo chiesti se una borsa fosse falsa? O se un orologio fosse vero? A dirlo ora ci pensa la piattaforma tecnologica «Virgo», nata certificare l’autenticità dei beni di lusso. Realizzata con il contributo di Temera, PwC, Luxochain e Var Group, la piattaforma è stata presentata oggi in occasione del Milano Fashion Global Summit. Virgo è «la prima soluzione integrata, sicura e trasparente – spiega una nota – per tracciare la catena di valore e certificare l’autenticità dei beni di lusso, dalla fase di acquisizione delle materie prime, alla produzione e vendita del bene, sino ai passaggi di proprietà sul second-hand market».

View this post on Instagram

Studded, bold, compact. The Valentino Garavani #SuperVee and #VSLING bags star alongside the newly reinterpreted Valentino Garavani #RockstudSpikeFluo bag, available in four colors and three sizes at the link in bio and in select boutiques. Photo by @kevintachman

A post shared by Valentino (@maisonvalentino) on

 

View this post on Instagram

A post shared by Balenciaga (@balenciaga) on

 

Utilizzerà diverse tecnologie, dall’IoT alla Blockchain, che permetteranno a brand e clienti di monitorare l’intero ciclo di vita del prodotto. I consumatori potranno non solo conoscere la provenienza dei capi, ma anche avere informazioni sulla materia prima utilizzata, sulla sostenibilità etica del lavoro e sull’impatto ambientale e sociale.

Oggi i sistemi di certificazione hanno delle falle, afferma il Ceo di Temera, leader nel mercato delle soluzioni IoT nella industry del lusso, Arcangelo D’Onofrio, Virgo «è in grado di aumentare la fiducia del consumatore verso il brand, mettendo in chiaro tutti gli elementi di valore, nel rispetto dei principi di trasparenza, sostenibilità etica e ambientale, benessere animale e qualità di materie prime e lavorazioni.» L’obiettivo è quello di creare una sorta di «impronte digitali» per ogni prodotto, spiega Davide Baldi, Ceo di Luxochain, società svizzera che fornisce servizi basati su blockchain alle aziende del lusso e della moda. «Con il nostro sistema, disponibile per Ios e Android, qualsiasi acquirente, può verificare prima, con il proprio smartphone, l’autenticità di ogni prodotto on-line, nel negozio fisico, o nel crescente second-hand market, e ricevere il corrispettivo certificato di autenticità e proprietà, registrato in blockchain, al momento dell’acquisto».

View this post on Instagram

Round acetate glasses, a textured metal necklace and ear accessories from #GucciFW19 by @alessandro_michele, appear in the new #GucciPrêtÀPorter campaign. Discover more through link in bio. #AlessandroMichele

A post shared by Gucci (@gucci) on

 

Articoli correlati: