fbpx
12 OTTOBRE - News / People

Tennis, Nadal è ancora una volta il re di Parigi

Scritto da:

Lo spagnolo ha vinto il Roland Garros per la 13esima volta in carriera

Le chiavi del campo Philippe Chatrier hanno da 13 anni lo stesso padrone, Rafael Nadal. Il maiorchino ha conquistato, in una uggiosa domenica parigina d’ottobre, il suo tredicesimo Roland Garros raggiungendo anche quota 20 titoli Slam in carriera.

“Vittima”di giornata Novak Djokovic, non uno a caso ma il numero uno delle classifiche ATP e detentore di 17 Slam e quindi a tre distanze da Rafa e Roger Federer.

Il mancino, con la vittoria di domenica 11 ottobre, ha raggiunto quota venti come i Major vinti anche dall’amico – rivale di sempre Roger Federer che a fine match gli ha augurato il meglio e si è congratulato.

View this post on Instagram

I have always had the utmost respect for my friend Rafa as a person and as a champion. As my greatest rival over many years, I believe we have pushed each other to become better players. Therefore, it is a true honor for me to congratulate him on his 20th Grand Slam victory. It is especially amazing that he has now won Roland Garros an incredible 13 times, which is one of the greatest achievements in sport. I also congratulate his team, because nobody can do this alone. I hope 20 is just another step on the continuing journey for both of us. Well done, Rafa. You deserve it.

A post shared by Roger Federer (@rogerfederer) on

Che abbia vinto sulla “sua” terra, la superficie che ama da sempre non sorprende, ma sorprende il modo in cui ha raggiunto questo risultato, con un punteggio netto (6 – 0; 6 – 2; 7 – 5) in meno di tre ore di gioco.

Nadal ha letteralmente surclassato il serbo costringendolo a una quantità di errori a cui solitamente il numero uno non è arrivato.

Una prova di forza che vale doppio, visto il momento, le condizioni climatiche poco congeniali al suo gioco e a un torneo così e dato che quest’anno sulla terra ha giocato poco e  veniva dalla sconfitta del Master 1000 di Roma contro Schwartzman (affrontato poi a Parigi in semifinale e battuto).

Troppo Nadal e poco Djokovic. Il serbo è stato letteralmente preso a pallate dall’avversario e anche il suo colpo più pericoloso, il rovescio incrociato non ha funzionato.

Lo spagnolo si gode la sua coppa e la coccola per una vittoria speciale ma che non può renderlo felice, come ha spiegato lui stesso, in un anno così problematico per tutti.

View this post on Instagram

Merci Paris!!! Merci a tous!!!! 🎾 #Vamos 😉

A post shared by Rafa Nadal (@rafaelnadal) on

Articoli correlati: