27 SETTEMBRE - Lifestyle / News / People

Sveva Casati Modigliani: “Nel mio ultimo libro volevo raccontare l’importanza dell’amicizia tra donne”

Scritto da:

Nelle librerie il sequel di “Festa di Famiglia”

Sveva Casati Modigliani, torna il libreria e lo fa con il suo primo sequel “Segreti e Ipocrisie” (edito da Sperling & Kupfer) e seguito di “Festa di Famiglia“. Un romanzo che è nato per caso come racconta Bice Cairati (vero nome dell’autrice che anche dopo la morte del marito ha continuato a scrivere sotto pseudonimo).

Ormai da tempo alterno sempre un romanzone a una storia, a un romanzo più breve: è nata questa storia delle quattro amiche, ma a un certo punto mi sono resa conto che dovevo chiudere e veniva solo la biografia di una di queste, di Andreina e ho pensato e le altre? E poi Andreina con il suo bambino cosa farà? Le altre come si comporteranno? E allora inevitabilmente è nato il secondo e ci saranno anche un terzo e un quarto libro. Non era un’operazione voluta.

Anche in questa occasione al centro del nucleo narrativo ci sono le donne, dalle mille sfaccetature e dalle mille sfumature. Donne che in primis sono amiche e le cui specifiche caratteriali nascono anche dal legame dell’autrice con i giovani, con i social, con la realtà di tutti i giorni. Nonostante la lunga carriera dell’autrice i suoi continuano a essere romanzi “moderni” che immortalano perfettamente la società di oggi, con quelle ipocrisie che la governano.

Una società in cui troppo spesso manca una componente fondamentale: l’amicizia tra donne, quella pura e inossidabile.

Con questo romanzo volevo raccontare l’importanza dell’amicizia tra donne. Io sono stata cresciuta in un tipo di civiltà che desiderava tenere le distanze tra le donne, rendendole aggressive tra loro. Volevo far capire quanto sia importante il senso di solidarietà tra donne, invece di mettersi le dita negli occhi…dovremmo imparare e fare squadra come il sesso maschile.

View this post on Instagram

Prime copie e prime dediche del mio nuovo romanzo Segreti e ipocrisie. ❤️ #segretieipocrisie #SvevaCasatiModignani #Sveva #24settembre

A post shared by Sveva Casati Modignani (@svevacasatimodignani_official) on

Alle donne però non si sente di lasciare nessun messaggio. Scrive per se stessa, perché lo ha sempre fatto: “Mi rifiuto di dare consigli perché credo che ognuno di noi sia bravissimo a sbagliare in prima persona”.

Sinossi

Un anno volge al termine e uno nuovo sta per cominciare, carico di speranze, buoni propositi e qualche rimpianto. Mentre cerca un po’ di pace nella bellissima Villa Sans-souci a Paraggi, che ha ricevuto in eredità dalla nonna materna, Maria Sole ripensa al grande inganno che ha determinato la fine del suo matrimonio poche settimane prima. Si chiede come abbia fatto a non accorgersi che suo marito non era quello che sembrava, pur conoscendolo sin dall’infanzia, e come i genitori di entrambi, che sospettavano da sempre, abbiano potuto tacere. Ripercorrendo i ricordi racchiusi nelle stanze della villa, la giovane donna si rende conto che la sua famiglia è sempre vissuta di segreti, per non sporcare l’immagine della propria rispettabilità. Ma ora Maria Sole vuole scrollarsi di dosso tante ipocrisie e riprendere in mano la vita, anche per amore del suo bambino. Per fortuna, ha accanto le sue tre amiche soccorrevoli: Carlotta, Andreina e Gloria, pronte a sostenersi vicendevolmente nei momenti di difficoltà. Ognuna delle quattro «amiche del giovedì» – così le chiama la proprietaria del ristorante dove s’incontrano una volta a settimana – si affaccia al nuovo anno con una sfida da affrontare: chi un ritorno di fiamma, chi una gravidanza inattesa, chi una scelta d’amore che sconvolge ogni certezza. Di fronte a quelle svolte, la loro forza sarà il legame che le unisce come sorelle. Come una famiglia sincera. Le irresistibili protagoniste di Festa di famiglia tornano a sorprenderci in questo romanzo imprevedibile come la vita, magico come i sogni di ogni donna. Una storia di nuovi inizi e di affetti da custodire come tesori preziosi.

Articoli correlati: