16 MAGGIO - News

Roma, spuntano degli audio di De Rossi: “C’era l’ipotesi contratto a partita”

Scritto da:

Circolano degli audio su Whatsapp 

Se una parte di Roma (quella biancoceleste) si gode e festeggia la Coppia Italia, l’altra deve ancora abituarsi all’addio del suo capitano, Daniele De Rossi. Un addio dopo 18 anni con la stessa maglia e con un annuncio a sorpresa.

View this post on Instagram

DAJEEEE 💛❤️⚽️ #RomaBarça #Roma #DajeRoma

A post shared by Daniele De Rossi (@dderossiofficial) on

Dopo la conferenza stampa in cui il centrocampista ha spiegato come sono andati i fatti, in queste ore, sono stati diffusi degli audio Whatsapp in cui il giocatore parla con un gruppo di amici, raccontando le dinamiche con cui gli è stato riferito che il contratto non sarebbe stato rinnovato:

Io gli ho detto: se voi dite che sto male, allora datemi centomila euro a presenza. Se pensate che io non possa giocare più di dieci partite, guadagnerò un milione. Se invece non gioco mai, resterò gratis. Ho fatto una battuta del genere. E Fienga (Ceo della Roma, ndr) mi ha detto: è quello che avrei voluto proporti io. Ma è una riflessione nata e morta lì, perché mi stava dicendo che non mi avrebbero tenuto. Due ore e mezza di colloquio. Poi arrivo a casa e mi fa: ho chiamato il presidente e mi ha detto che allora è ok. Ma come, non mi hanno detto niente per un anno, poi mi chiamano per dirmi che mi cacciano via e dopo 40 minuti arrivo a casa e mi dicono: no va bene, allora se vuoi facciamo il contratto.

Leggi anche: Calcio, Daniele De Rossi dice addio alla Roma

Un retroscena clamoroso in cui però non si capisce perché poi l’ipotesi di questo contratto non si sia poi concretizzata. Il calciatore ha poi preso le difese dell’ufficio stampa e non solo elogiando il lavoro dello Staff della Roma.

Articoli correlati: