13 NOVEMBRE - News

Maltempo: a Venezia l’acqua alta è da record e i danni sono ingenti

Scritto da:

L’acqua alta ha raggiunto 187 centimetri

Il fascino di Venezia risiede proprio nella sua laguna, in quei canali che la rendono unica al mondo. Proprio per questo vedere la cittadina veneta in questo stato fa male soprattutto perché l’ondata di maltempo che ha travolto la città di Carlo Goldoni si è tramutata in una acqua alta da record che sta provocando danni a dir poco ingenti.

Martedì notte l’acqua ha raggiunto i 187 centimetri: un valore non solo allarmante ma altissimo che si avvicina al record storico di 194 centimetri durante l’alluvione del 1966.

View this post on Instagram

🔹 Alle 12.00 conferenza stampa con @zaiaufficiale e Angelo Borelli, direttore del Dipartimento Nazionale della Protezione Civile. ▶️ Chiederemo lo stato di crisi. Cittadini e imprese raccolgano materiale utile a dimostrare i danni subiti. 👉 Nei prossimi giorni comunicheremo le modalità per la richiesta di contributo #Acquaalta #acqualtavenezia #acquaaltaavenezia #venezia

A post shared by Luigi Brugnaro (@luigibrugnaro) on

Il sindaco Luigi Brugnaro in queste ore sta testimoniando sui social quello che sta accadendo e alle 12 verrà indetta una conferenza stampa in cui verrà richiesto lo stato di crisi. Intanto tutte le scuole sono state chiuse e i vigili del fuoco da ore rispondono a chimate di gente allarmata e che teme di rimanere intrappolata in casa.

Una drammatica testimonianza arriva anche dalla pagina Facebook di Stefano Accorsi che ha immortalato una quasi irriconoscibile Piazza San Marco. Proprio per la Basilica si teme visto che la cripta è stata già stata interamente sommersa e sono iniziate a comparire crepe su alcune colonne bizantine che erano state ristrutturate recentemente.

Ci sono anche due morti a Pellestrina (una delle isole della Laguna), dove sono saltate le pompe a protezione della case e la situazione è stata ulteriormente complicata da violente raffiche di vento.

View this post on Instagram

Sarà una lunga notte. L'acqua alta inizia a scendere. La paura di qualche ora fa lascia spazio alla conta dei primi danni. Una marea a 187 cm è una ferita che lascia segni indelebili. Adesso il governo deve ascoltare #Venezia #acquaalta #acqualtavenezia #acquaaltaavenezia

A post shared by Luigi Brugnaro (@luigibrugnaro) on

 

 

Articoli correlati: