10 GENNAIO - Lifestyle / News

La figlia di Totò Riina apre un ristorante a Parigi e scatena molte polemiche

Scritto da:

Il sindaco di Corleone: “È inaccettabile che chi ha massacrato Corleone oggi possa usare il nome del Paese per trarne vantaggio economico”

La figlia di Totò Riina ha aperto un ristorante a Parigi. E fin qui, nulla di eclatante, è giusto che faccia la sua vita e che non venga additata per colpe che non ha mai avuto. Se è vero che le colpe dei padri che ricadono sui figli vogliamo continuarle a leggere solo nella letteratura antica, è pur vero che se lo chiami “Corleone by Lucia Riina” il cognome lo vuoi rimarcare eccome. Lucia è l’ultima figlia del boss mafioso che l’anno scorso è morto mentre stava scontando la pena in carcere dopo ventiquattro anni di detenzione in regime di 41 bis. e di Antonina Bagarella.

La cucina ovviamente sarà siciliana. Il made in Italy, apprezzato in tutto il mondo, diventa motivo di orgoglio. La famiglia Riina è in società con un ristoratore francese, già proprietario di alcuni ristoranti a Parigi. Si trova in centro vicino all’ Arco di Trionfo. E sulla facciata del ristorante appare un leone rampante dorato con un cuore in mano, simbolo della cittadina siciliana.

Immediata la reazione del sindaco di Corleone: “È inaccettabile che chi ha massacrato Corleone, contribuendo a marchiarla in maniera infame, oggi possa usare il nome del Paese per trarne vantaggio economico”.

La risposta di Lucia non è ancora arrivata e non provate a chiederle interviste, non le rilascia.

 

Curiosità: nel ristorante sono esposti quadri dipinti da lei stessa, che ha da poco scoperto la passione per la pittura, e sono in vendita.

Articoli correlati: