10 MAGGIO - Interviste / News / People

Ignazio Moser: “Ecco chi sono i miei favoriti per la vittoria al Giro d’Italia”

Scritto da:

“Magari nella tappa di Courmayeur porterò Cecilia”

Nel 1984 Francesco Moser vinceva la sessantasettesima edizione del Giro d’Italia. Suo figlio Ignazio, classe ’92, ha iniziato con il ciclismo per poi scegliere un’altra strada.

Oggi la bici, quello sport che tanto ha dato a suo padre, rimane comunque una grande passione.

L’undici maggio inizia la centoduesima edizione del giro in rosa (con partenza da Bologna) e noi abbiamo chiesto a Ignazio qualche pronostico.

Chi ritieni i favoriti del Giro 2019?

Sicuramente: Vincenzo Nibali, Primož Roglič, Simon Philip Yates e Tom Dumoulin.

Quale potrebbe essere la tappa più impegnativa?

Secondo me sarà la tappa di Ponte di Legno, perché scaleranno Gavia e Mortirolo che sono due”giganti” del Giro d’Italia e di solito lì, un po’ per l’altitudine un po’ per la pendenza e la lunghezza delle salite sono sempre tappe…che sono un po’ uno spartiacque. Ponte di Legno come tappa clou.

Cosa ne pensi della partecipazione di Vincenzo Nibali al Giro d’Italia ed al Tour de France?

Vincenzo Nibali, come qualsiasi corridore potrà avere difficoltà ad affrontare due grandi competizioni in un solo anno, quindi penso che punti al Giro d’Italia e andrà al Tour in aiuto dei compagni di squadra (fa parte del team Bahrain-Merida, ndr) o per cercare la vittoria in qualche tappa. Ritengo che la sua priorità sia quella di andare forte al Giro…visto che non penso che abbia ancora tanti anni per puntare alla classifica generale di una grande rassegna.

Oggi qual è il tuo rapporto con il ciclismo?

Oggi, il mio rapporto con il ciclismo è un rapporto d’amicizia, perché non facendolo più come lavoro resta una mia grande passione. Seguo sempre questo sport ed è un rapporto molto più disteso di un tempo e al momento si limita a quello.

View this post on Instagram

This is what really makes me proud! Thank’s to all the people who worked on this project and obviously thank’s to @smithoptics who believed in me before than anyone else! #faster

A post shared by Ignazio Moser (@ignaziomoser) on

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Stringere i denti… una lezione di vita che la bici mi ha insegnato in tanti anni passati insieme, stringere i denti significa non mollare anche quando le cose non vanno proprio come speravi, anche quando la salita sembra non finire e l’asfalto si trasforma in colla sotto le ruote della bici perché tanto prima o poi arriva sempre la discesa! #stringereidenti #cycling

Un post condiviso da Ignazio Moser (@ignaziomoser) in data:

Andrai a vedere qualche tappa?

Sì, probabilmente sì. Andrò a vedere l’ultima tappa a Verona con l’arrivo nell’Arena visto che mio papà ha vinto il giro proprio lì e quindi anche per la famiglia Moser è un luogo abbastanza emblematico. Magari andò a vedere anche la tappa di Courmayeur, molto impegnativa e nella quale succederà qualcosa e magari porterò Cecilia se mi vorrà accompagnare!

Articoli correlati: