20 GENNAIO - News

Evasione fiscale per Simona Ventura. Il PM: “Ha smesso di pagare”

Scritto da:

Il debito della conduttrice è di 500 mila euro

Simona Ventura, deve restituire al fisco una cifra di 500 mila euro per un debito accumulato tra il 2012 e il 2015. Secondo quanto riportato da una nota (durante il processo) del pubblico ministero Silvia Bonardi, la conduttrice avrebbe smesso di pagare a maggio 2019 perdendo quindi la facoltà e il beneficio di rateizzazione.

Uno degli avvocati della Ventura, chiamato a testimoniare, ha spiegato come la donna non sia più stata in grado di continuare con i pagamenti.

Secondo l’inchiesta della Guardia di Finanza, la conduttrice avrebbe fatto confluire parte dei suoi ricavi e addebitato parte dei suoi costi ad una società, la Ventidue srl. Sulla società sono state caricate speso di vario genere, da parrucchieri a fioraio fino a articoli di abbigliamento.

La Ventura avrebbe dovuto far rientrare tutto nella dichiarazione dei redditi cosa che non è avvenuta. L’avvocato Alessandro Simone ha fatto presente che la conduttrice non sarebbe stata a conoscenza della vicenda. Il Pm però ha ricordato che la Ventura aveva dato il via libera per un  “accertamento con adesione” dell’Agenzia delle Entrate e con un piano di rateizzazione aveva iniziato a risarcire il debito. Poi, però, l’Agenzia delle Entrate, con una nota del 16 ottobre scorso ha fatto presente l’interruzione dei pagamenti il 31 maggio 2019.
Il processo continuerà il 18 marzo prossimo con la testimonianza della segretaria personale della conduttrice. La sentenza dovrebbe arrivare il 13 maggio.

 

Articoli correlati: