17 DICEMBRE - Lifestyle / News

Calcio, è polemica per la nuova campagna contro il razzismo della Lega Serie A

Scritto da:

L’artista Simone Fugazzotto ha realizzato un trittico con tre scimmie che ha destato parecchie perplessità

La matrice artistica di Simone Fugazzotto e lo si vede bene anche dai suoi post su Instagram sono le scimmie. L’artista è stato così coinvolto in una nuova iniziativa della Lega Serie A di Calcio contro il fenomeno sempre ormai più diffuso del razzismo. Tre scimmie sono state così esposte nella sede delle Federazione ma sono subito arrivate valanghe di critiche.

L’arte non è mai semplice da interpretare e dietro ogni opera si cela sempre un significato nascosto che poi altro non è che una sorta di chiave di volta per leggere la realtà. Lo stesso artista è così dovuto intervenire per spiegare il significato e la provocazione lanciata con il suo “trittico”(tre scimmie, una occidentale, una asiatica e l’altra nera).

Siamo tutti uguali è inutile che continuate a rompere dicendo allo stadio ai neri che sono delle scimmie lanciandogli delle banane..allora ve lo dico io che siamo tutti uguali e se non riuscite a capire che siamo tutti uomini vi dico io che siamo tutte scimmie: uguaglianza. È incredibile la polemica che si è scatenata [..] non capisco perché visto che l’opera l’abbiamo presentata a maggio durante la finale di Coppa Italia e ci sono stati mesi in cui è andata in prima pagina su ‘Gazzetta Dello Sport’e a tutta pagina su ‘Corriere dello Sport’ e nessuno ha detto nulla fino a quando è nato tutto questo casino. Ho rilasciato una dichiarazione ai giornalisti dove dicevo quanto era stato umiliante per me vedere lo Stadio di  San Siro che faceva il verso della scimmia a Koulibaly o quanto sia stato per me un onore premiarlo come miglior difensore della seria A in campo al San Paolo proprio contro la “mia” Inter e quindi è assurdo. Ma questo è anche il ruolo dell’artista: l’artista deve suscitare polemiche ma ci tenevo comunque a chiarire e ribadire che sono un “fratello del mondo”.

View this post on Instagram

NUOVO REGALO 🎁 👇🏻 . . L’idea di questa campagna nasce da lontano, era il 26 dicembre ed ero allo stadio a vedere Inter – Napoli, partita incredibile decisa all’ultimo minuto dal mio Hermano @lautaromartinezz10 . Sento (ma non era di certo la prima volta) insulti e versi di scimmia contro un grandissimo giocatore, era @kkoulibaly26 . Mi sale una tale rabbia che quasi di riflesso mi arriva un idea, perché non smettere di censurare la parola scimmia nel calcio ma rigirare il concetto e affermare invece che alla fine siamo tutti scimmie? Perché se siamo essere umani, scimmie, anime reincarnate, energia o alieni chissenefrega, l’importante è sentire un concetto di eguaglianza e fratellanza. Grazie alla testardaggine mia e di @fabicutri , con l’appoggio fondamentale di @seriea e #infront abbiamo reso realtà quell’idea nata in uno stadio mesi fa. Ho dipinto il trittico in un altro stadio, l’Olimpico di Roma durante la finale di coppa Italia e l’immagine è finita a tutta pagina su @gazzettadellosport e @corrieredellosport più svariati siti e testate. Se ci credete anche voi come ci credo io condividete l’immagine con l’Hashtag #NOTORACISM e seguite le stories perché posterò le tre opere che voi potrete mettere insieme (taggatemi sarete tutti ricondivisi) come preferite e il più creativo vincerà una cosa speciale. Grazie a tutti voi, non lo chiedo mai ma in questo caso si, CONDIVIDETE 💪🏻🐵 Simone . . . . . #noracism #notoracism #simonefugazzotto #fugazzotto #fugazzottoartist #art #contemporaryart #italiancontemporaryart #saynotoracism #weareallthesame #social #gazzettadellosport #rai #corrieredellosport #raiuno #seriea #different #eyes #same #soul

A post shared by Simone Fugazzotto (@simonefugazzotto) on

In rete si sono infatti scatenati commenti ironici e forte dissenso. Tra i pareri contrari anche la Roma, che già dopo il titolo di “Corriere dello Sport” di qualche settimana fa, che alludeva al colore della pelle di due giocatori, aveva interdetto l’accesso alle proprie strutture ai giornalisti del quotidiano anche e in questo caso si è schierata contro l’iniziativa.

Sulla stessa lunghezza d’onda anche il Milan.

Articoli correlati: