06 GIUGNO - Sfilate

Gucci presenta a Westminister la collezione Cruise 2017

Scritto da:

Westminster ha aperto le sue porte alla sfilata di Gucci “Cruise 2017”: il direttore creativo Alessandro Michele riceve così la sua incoronazione ufficiale…

 

Gucci a Westminster. Sì avete capito bene. Il marchio italiano ha sfilato, nella giornata del 2 giugno, in uno dei luoghi più simbolici dell’Inghilterra e di Londra: l’abbazia di Westminster.

L’abbazia, celebre per aver incoronato molti dei reali inglesi ha così incoronato la nuova collezione di Gucci e del suo stilista Alessandro Michele.

Un anno dopo la sua “incoronazione”,non a reale, ovviamente, ma a direttore creativo (succedendo a Frida Giannini) lo stilista romano ha saputo creare una sfilata che passerà alla storia, mischiando sacro e profano.

Più di trecentocinquanta invitati (tra cui anche l’attrice italiana Valeria Golino) e una passerella costruita lungo i chiostri dell’abbazia per la collezione Cruise 2017.

Modelle e modelli (dal 2017 le sfilate di Gucci saranno unificate)  indossano capi dai colori sgargianti, che creano un suggestivo contrasto con l’atmosfera cupa di Westminister e con il grigio fumo di Londra. Ci sono pizzi e paillettes, ma anche materiali di lusso accostati a tessuti molto semplici, jeans e felpe o anche bomber in denim e pellicciotti.

Sfilano stampe particolari con motivi floreali, o con animali da gatti a cani fino ad arrivare alle tigri: fauna e flora sono motivi dominanti. Non mancano nemmeno gli omaggi alla cultura inglese con giacche in pelle e pantaloni con la stampa della Union Jack (la bandiera inglese) o abiti che dai colori allo stile richiamano l’Inghilterra vittoriana.

gucci-sfilata-Westminster-0006_oggetto_editoriale_720x600

Chi non ha avuto la fortuna di essere tra gli invitati, ha potuto godere della diretta snapchat, trasmessa live sul profilo di Gucci e curata dalla cantante francese Soko; inoltre la sfilata è stata accompagnata da un coro di voci bianche della “Schola Cantorum di Westminister”, mentre non sono state fatte altre decorazioni all’interno dell’Abbazia: gli ospiti si sono accomodati ai lati dei chiostri e su ogni posto è stato posizionato un cuscino verde, con ricami e fantasie, sempre ideate dallo stesso Alessandro.

Articoli correlati: