05 DICEMBRE - Moda / Sfilate

Chanel Métiers d’art 2019- 2020: brava Virginie Viard!

Scritto da:

La collezione ha sfilato al Grand Palais di Parigi sotto la direzione di Sofia Coppola

È stata presentata a Parigi la Collezione Chanel Métiers d’art 2019- 2020. Cosa succederebbe a Coco Chanel se potesse rivivere nei giorni nostri?  Sicuramente ripartirebbe dalla scala a lei tanto cara, quella della prima sfilata nel suo atelier di Rue Cambon 31. E, parte proprio da quelle scale Virginie Viard, insieme alla direzione di Sofia Coppola, per la sua prima collezione Métiers d’art, dopo la scomparsa di Karl Lagerfeld.

Voglio che sia sempre prezioso indossare un vestito Chanel. (Virginie Viard)

Ci sono il bianco e il nero, due opposti che si completano e che Coco riprende dai ricordi dell’infanzia, vissuta con le suore. Ci sono le perle. I tailleur in tweed. Le catene. Le camelie. Le spille. Tutti gli elementi classici vengono rivestiti di una luce nuova. Assumono sfumature iridescenti, appare persino il tie-dye. E poi organza e seta, si traducono in sorprendenti novità. Come il bomber ricamato o la Chanel 2.55 in vernice cangiante o nella sua versione mini.

La collezione si colora di arancio e fucsia, di celeste e pervinca. Di allegria. E lo spirito dei due volti Chanel per eccellenza sembra aleggiare sulla passerella e dare il consenso alla loro erede. Ci ha messo un po’ per rompere gli schemi Virginie Viard e per dare alla Maison un’impronta decisiva. La sua impronta. E ci è riuscita alla perfezione.

Senza perdere il tocco bon ton, regalato da longuette, giacche e fiocchi, si può osare. Con cinture fatte di catene e loghi, di Swarovski e perle. Di pizzi dorati che alimentano il vedo-non vedo. Sì, anche con le piume che, delicate, si posano e danno movimento a gonne e cappe.

Ci sono giacche crop e persino una felpa (che diventerà oggetto del desiderio della stagione, siamo pronti a scommetterci!).

Bellissima e rivoluzionaria l’idea delle tutine da sera… firmate Chanel ovviamente! E, oggi, il giorno dopo, è quello dei bilanci: brava Virginie!.

C’è una forma di semplicità nell’ABC di Chanel. Non dobbiamo fare troppo. Non volevo il solito viaggio a lunga distanza delle collezioni Métiers d’Art. Volevo restare a Parigi. Quindi abbiamo dovuto pensare ad un nuovo modo di fare le cose. I codici inventati da Gabrielle e resi sublimi da Karl Lagerfeld mi piace mescolarli”.

View this post on Instagram

The Métiers d’art 2019/20 show's finale — dedicated to CHANEL’s Fashion Métiers d’art, this collection highlights the creative dialogue between Virginie Viard and the Maisons d’art, enhancing the creations of the House. #CHANELMetiersdArt #CHANEL @MaisonDesrues #Desrues @Massaro_Paris #Massaro @Lesage #Lesage @Maison_Lemarie #MaisonLemarie @AtelierMontex #Montex @MaisonMichel #MaisonMichel @Le19M #Le19M @kdhwillems @rachellehrs @rebeccalongendyke @krinihdez @hekonghc @gigihadid @albertemortensen_ @siavlasova @maudhoevelaken @noraattal @greta_varlese @nikepn @carolineknudsen_

A post shared by CHANEL (@chanelofficial) on

 

Articoli correlati: