fbpx
Moda

Maki Mandela crea la collezione The Struggle Series e omaggia il padre

14 Novembre 21 / Scritto da:

Maki Mandela presenterà alla Torino Fashion Week, la collezione streetwear intitolata The Struggle Series con la quale omaggia il padre

 

In occasione della Torino Fashion Week che si terrà a Palazzo Madama dal 15 al 21 novembre, Maki Mandela presenterà la collezione di moda The Struggles Series con la quale omaggia il padre.

Maki Mandela ha rilasciato una lunga intervista Vanity Fair in cui ha raccontato la fondazione di House of Mandela, la sua collezione di moda e il ricordo del padre.

La passione per la moda arriva da mia figlia Tukwini.

È lei che ha progettato la collezione, trovato i fornitori, organizzato i modelli, i video e le riprese: è molto appassionata nel lavorare con gli artigiani locali e fa di tutto per trovarli” ha raccontato Maki Mandela.

Sul brand di moda, Maki Mandela ha spiegato: “L’idea del fashion brand è nata quando figlia Tukwini ci ha mostrato quanto, attraverso la moda, avremmo potuto esprimere la nostra eredità.

Tutto è iniziato con le intricate perline ispirate alla cultura Xhosa, decidendo di creare un marchio di lifestyle che includesse questi gioielli intricati e audaci.

Leggi anche: MARK BRYAN È L’INGEGNERE TEDESCO CHE VA A LAVORO IN GONNA E TACCHI

Da lì, mia figlia ha iniziato a creare stampe che provenivano dai modelli di perline e dal nostro abito tradizionale Xhosa, dando vita a pezzi unici per testare il modo in cui le stampe si traducevano in diversi tessuti.

Ha persino creato un vestito per sé stessa con l’opera d’arte di suo nonno stampata su di esso, e intricate perline che ha indossato per un evento che celebrava il centenario di mio padre.

Abbiamo quindi aggiunto magliette con le opere d’arte di mio padre, ma Tukwini sentiva che le opere d’arte di suo nonno e le camicie Madiba potevano essere molto di più, evolvendo quindi in un vero e proprio brand con collezioni di moda”.

In ultimo su Nelson Mandela, la figlia ha ricordato: “Mio padre credeva davvero nel trattare tutti con dignità e rispetto.

Trattava lo spazzino nello stesso modo in cui trattava i reali.

Credeva fortemente nello spirito umano duraturo e nel bene delle persone in generale, e ha espresso questi concetti fondamentali nella sua arte, incoraggiando figli e nipoti a usare i loro talenti, creativi e non solo, per portare luce e positività nel mondo.

Spero che questo sia quello che stiamo facendo nelle nostre vite e carriere professionali, ed è ciò che continueremo a fare”.