06 GIUGNO - Lifestyle

Tennis, Marco Cecchinato: una vittoria da favola. È semifinale al Roland Garros

Scritto da:

Il palermitano ha battuto in quattro set Novak Djokovic

Alla vigila del Roland Garros, forse, neppure Marco Cecchinato (palermitano classe ’92) avrebbe scommesso un euro sulla sua vittoria contro l’ex numero uno al mondo, il serbo, Novak Djokovic.

40 anni dopo Corrado Barazzuti, un italiano approda così in semifinale a Parigi. Impresa enorme, da annali, di quelle che ancora il giorno dopo non ci credi. E se non ci credono i tifosi figuriamoci il protagonista di questa impresa.

Nel giro di due mesi la sua vita cambia: a Montecarlo (sempre sulla terra battuta) arriva la prima vittoria in un Master 1000 (tra i tornei più importanti del circuito dopo gli Slam) e poi la conquista del primo titolo a Budapest (dove era stato ripescato). Poi batte Fabio Fognini e poi arriva lo Slam di Parigi.

Batte prima Copil e ottiene la prima vittoria in uno Slam, poi Marco Trungelliti, poi Carreno – Busta, giocatore molto esperto sulla superficie. Arrivano gli ottavi e c’è David Goffin: anche la pratica belga viene archiviata e arriva così ai quarti.

Marco si trova sulla sua strada Novak Djokovic, che questo torneo l’ha anche vinto nel 2016. Impresa impossibile? Forse, ma la cosa bella dello sport è che nulla è davvero irrealizzabile.

Marco Cecchinato ci ha messo cuore, talento, il suo miglior tennis e alcuni colpi da manuale. Vince i primi due set, con un gioco praticamente perfetto, perde il terzo sembra vicino a perdere pure il quarto e invece alla fine ribalta tutto e porta a casa il match:

Mi batteva molto forte il cuore. Ho iniziato il match convinto che non avevo nulla da perdere e ho iniziato a crederci, non pensavo di fare questa partita – ha commentato a fine match – Sono stato aggressivo, convinto di vincere, coraggioso e perfetto. Ho fatto tanti sacrifici, è incredibile aver raggiunto le semifinali.

A fine partita scoppia in lacrime, non ci crede nemmeno lui: Novak arriva dall’altra parte della rete e lo abbraccia, dimostrando grande sportività e molta correttezza.

Sui social i tifosi, gli amici e gli addetti ai lavori impazziscono:

 

Articoli correlati: