fbpx
Lifestyle / People

Simone Giannelli, il pallavolista lancia il suo primo manuale a fumetti sul volley

22 Aprile 21 / Scritto da:

Edito da BeccoGiallo uscirà oggi, 22 aprile

Simone Giannelli è una delle certezze della Nazionale italiana e dell‘Itas Trentino Volley. Il regista italiano ha realizzato un’altra piccola impresa con il suo primo manuale della pallavolo, un libro a fumetti edito da BeccoGiallo.

Un manuale per i più piccoli che spiega in maniera trasversale il mondo del volley cercando di avvicinare i bambini a quello che è il secondo sport più praticato in Italia ma che soprattutto è il suo sport

L’alzatore, che specifica di non aver voluto che il progetto diventasse una autobiografica, guiderà i let- tori alla scoperta di uno sport in continua ascesa, raccontandone le regole, le curiosità e i campioni che hanno fatto la storia, ma soprattutto soffermandosi sui valori che dovrebbero contraddistinguere ogni sportivo, professionista o amatore che sia: lo spirito di gruppo, l’importanza di saper accettare le sconfitte e la capacità di gestire le proprie emozioni.

Leggi anche: Maurizia Cacciatori: il volley nel DNA, la grinta e l’amore per la famiglia

Non ci sarà solo il campione italiano ma sono stati coinvolti anche degli “alleati” di tutto rispetto, da Francesa Piccinini a Maurizia Cacciatori fino a Lorenzo Bernardi e Andrea Giani.

Il primo manuale, in maniera ovviamente divertente ma anche semplice e accattivante spiega il mondo di Simone che sottolinea di essersi raccontato e di aver messo molto di se stesso dentro questo “libro” che è innanzitutto un fumetto che narra le vi- cende dei Teen Myths, strampalati personaggi nati dalla mente dello sceneggiatore Ema- nuele Apostolidis e disegnati dal pennino dell’illustratore Salvatore Callerami.

C’è tanto di mio, perché abbiamo chiacchierato molto con gli amici di beccoGiallo. Abbiamo capito quale fosse la via giusta e ci siamo dati delle linee guida”.

Nonostante questo sia un progetto nato per i più piccoli e nonostante Giannelli ritenga importantissimo il settore giovanile in futuro sì, si vede o meglio spera di essere sempre a Trento, ma non nel ruolo di allenatore. Al momento sta studiando Scienze dell’alimentazione e vuole continuare anche con questo percorso.

Vorrebbe magari un superpotere come succede nel mondo dei fumetti? “Sì quello di non pensare, sono uno che pensa e studia tanto, ogni tanto vorrei non pensare sia in campo che fuori!”