06 LUGLIO - Lifestyle

Selvaggia Lucarelli contro “Rolling Stone”: «Mai visto un ambiente di lavoro così»

Scritto da:

Su Facebook la risposta alla copertina del magazine

La copertina del 5 luglio dell’ultimo numero della rivista italiana Rolling Stone ha destato parecchie polemiche. In primis per la posizione forte di opposizione a Matteo Salvini e poi perché a sostegno di questo “manifesto” sono stati inseriti nomi di vip che avrebbero sostenuto la campagna.

Nella lista non c’era Selvaggia Lucarelli, ex direttrice del magazine, che comunque su Facebook ha voluto dire la sua:

Nel post spiega anche qualcosa della sua esperienza:

Nei tre mesi in cui ho provato a lavorare con voi, mi è stato impedito di realizzare un servizio su ticket one e la truffa del secondary ticketing per ragioni di convenienza, mi è stato proibito di far esprimere libere opinioni a giornalisti su dischi, attori e altro per ragioni di denaro o convenienza.
E’ venuto l’inpgi per controllare le posizioni lavorative dei giornalisti e diverse persone sono state fatte scappare giù in strada perchè avevano contratti da lavoratori esterni e erano gentilmente invitate a lavorare IN UFFICIO e da casa anche nel weekend.Alla mia più diretta collaboratrice, che aveva un contratto da esterna ed era tutti i giorni in ufficio, a un certo punto è stato chiesto di non accompagnare più i figli a scuola e di presentarsi 30 minuti prima degli altri in redazione. L’editore urla e umilia continuamente i suoi dipendenti, al punto che, per rimanere in tema umanità, c’è più gente che negli ultimi anni è scappata da Rolling Stone che dalla Siria. E così via.

E poi c’è Mentana, inserito nella lista che ha smentito di aver recato il proprio sostegno con tanto di screenshot di conversazioni (poi cancellati per privacy) in cui dimostrava di non aver mai appoggiato l’iniziativa che ha aggiunto:

Quando voglio dire qualcosa, la dico. In prima persona, avendo la fortuna di poterlo fare in tv, e potendolo fare come tutti qui su Fb. Non credo agli appelli o alle prese di posizione perentorie e che servono solo a scopi identitari, o a volte peggio mirano a un po’ di pubblicità gratuita. Oggi il mensile Rolling Stones fa una scelta perfettamente legittima: una copertina arcobaleno con la scritta “Noi non stiamo con Salvini”, e poi più in piccolo “Da adesso chi tace è complice”. E poi nelle pagine interne una raccolta di pareri e frasi di “musicisti, attori, scrittori e figure legate allo showbiz e alla tv”. Scelta legittima, dicevo, ma che non condivido. Il giornalismo è fatto di racconto e di confronto delle idee, di attacco alle posizioni ritenute sbagliate, o perfino pericolose. Mai però la scelta di una persona liberamente eletta come bersaglio, come uomo nero. Con sorpresa ho trovato il mio nome tra gli aderenti a questa iniziativa (a meno che “Enrico Mentana, giornalista” non sia un omonimo). È un caso di malcostume, trasandatezza, sciatteria? Non so, non ho ancora letto la rivista. So però che il suo direttore mi aveva chiesto l’adesione, e la risposta è stata chiara… “No”

 

 

Articoli correlati: