mostra-wes-anderson-milano
09 LUGLIO - Lifestyle

La mostra curata da Wes Anderson e Juman Malouf arriva in Italia

Scritto da:

Dal 20 settembre il progetto espositivo concepito da Wes Anderson e Juman Malouf “Il sarcofago di Spitzmaus e altri tesori” farà tappa alla Fondazione Prada di Milano

 

mostra wes anderson fondazione prada milano

 

Non solo la Fondazione Prada a Milano ospita permanentemente il Bar Luce, progetto nato dall’inventiva di Wes Anderson. Ma, da settembre, la Fondazione accoglierà anche un vero e proprio progetto espositivo concepito dal regista americano insieme all’illustratrice, designer e scrittrice Juman Malouf.

Si intitola “Il sarcofago di Spitzmaus e altri tesori” ed è organizzato in collaborazione con il Kunsthistorisches Museum di Vienna, dove l’esposizione è già stata presentata in precedenza. Quella che potrà essere visitata alla Fondazione Prada dal 20 settembre 2019 al 13 gennaio 2020 sarà invece una seconda versione della stessa esposizione, più estesa per superficie e per numero di opere in mostra.

Wes Anderson e Juman Malouf hanno personalmente selezionato 537 opere d’arte e oggetti provenienti da 12 collezioni del Kunsthistorisches Museum e da 11 dipartimenti del Naturhistorisches Museum di Vienna. Lo stesso titolo della mostra omaggia una delle opere presentate, ovvero il sarcofago di Spitzmaus, scatola di legno egiziana che contiene la mummia di un toporagno del IV secolo a.C..

Leggi anche: Wes Anderson, in vendita le carte da parati ispirate ai film del regista

 

mostra wes anderson fondazione prada milano

 

Attraverso un percorso di stanze e vetrine, il visitatore è invitato a esplorare quello che è stato concepito come uno scrigno che contiene dei tesori, con tanto di ambiente ispirato alla tradizione del giardino all’italiana. La divisione è per gruppi di opere, scelte secondo un approccio non accademico: si va «dagli oggetti di colore verde ai ritratti di bambini, dalle miniature agli strumenti di misurazione del tempo, dalle scatole agli oggetti in legno, dai ritratti di nobili e gente comune a soggetti naturali quali il giardino, meteoriti e animali presentati come reperti scientifici o come rappresentazioni artistiche», anticipa il sito ufficiale della Fondazione Prada.

«La mostra è una riflessione sulle motivazioni che guidano l’atto di collezionare e sulle modalità con le quali una raccolta è custodita, presentata e vissuta. “Il sarcofago di Spitzmaus e altri tesori” sfida i canoni tradizionali che definiscono le istituzioni museali, proponendo nuove relazioni tra queste e le loro collezioni, tra le figure professionali e il pubblico dei musei».

 

Articoli correlati: