fbpx
Lifestyle / Musica

Manupuma: “I cerchietti di fiori e la campagna di crowdfunding per il mio album”

01 Agosto 19 / Scritto da:

È partito tutto da una frase: “Gli uomini dovrebbero ricordarsi di guardare le donne come se avessero sempre la corona sulla testa”

Emanuela Bosone, in arte Manupuma, ha realizzato una campagna di crowfdunding per il suo album (in uscita in autunno), realizzando cerchietti pieni di fiori. O meglio, corone, come piace chiamarli a lei. Milanese, amante della musica (in passato ha pubblicato diversi album per la Universal Music Italia), con un bagaglio da attrice e un diploma all’Accademia di belle Arti di Brera, è riuscita a trasportare il suo mondo visionario nella moda.

 

Che legame hanno musica e moda?

La musica e la moda hanno da sempre un legame fortissimo. Nascono in strada dove c’è contaminazione, è il cuore pulsante che accompagna ogni generazione, che si ripeterà all’infinito.

View this post on Instagram

Ringrazio questa meravigliosa regina di nome Platinette, per sostenere il mio crownfunding?, you are the Queen!❤?❤?#crownfunding #crowdfunding #femmineo #amore #parole #nuovoalbum

A post shared by manupuma (@manupumaofficial) on

 

Come nasce l’idea di creare cerchietti?

L’idea dei cerchietti, l’dea di venderli attraverso il  crowdfunding, penso  sia nata per disperazione /illuminazione.  Mi sono autoprodotta un disco, è stato un lavoro molto bello, una grande responsabilità investire soldi per registrare la mia  voce, la mia musica e parole. Un gesto folle, forse, ma nella mia testa , per la mia vita era necessario, ho pensato che per reggere tutto questo progetto dovevo allargare, comunicare sui social, il lavoro del mio nuovo disco, una sera parlando con un’amica di Marilyn  Monroe, ci siamo ricordate una frase estrapolata da una sua intervista che diceva  più o meno così: “Gli uomini dovrebbero ricordarsi di guardare le donne come se avessero sempre la corona sulla testa”. In questa frase  un po’ vintage, ma che ha che fare con la dignità ho capito che dovevo trovare un’idea vendibile che la rappresentasse metaforicamente. Fare cerchietti, corone, da mettere in vendita per finanziare la realizzazione del video del mio primo brano, previsto per autunno,  ho pensato  anche: “se dovesse deludere la mia musica rimarrà a chi mi avrà supportato un bel fiore da portare tra i capelli a cui è annodato un monito importante: essere sempre regine.

Ho iniziato a cercare fiori on line da paesi lontani, ceravo fiori e simboli per fare dei cerchietti ispirati al mondo delle mie canzoni, cosi’ li ho messi online, e ho trovato dei negozi che hanno appoggiato la mia campagna con entusiasmo.

View this post on Instagram

La Domenica a Milano comporta che ogni tanto io accompagni una cara piccola vecchina a messa, è sola e le fa piacere se l'accompagno, per lei, mi piace mettermi elegante, al solito grondero' durante il sermone del prete lungo e spesso incomprensibile..perché? Amen #domenica #sermoni #eleganza #cerchiettifiori #fiori #chiesa #sermone #peccati

A post shared by manupuma (@manupumaofficial) on

 

Quali artisti hanno aderito alla campagna di crowdfunding?

Hanno aderito tanti tipi di artisti, donne di tutte le età, attrici di teatro, cantanti, poetesse, speaker radiofoniche, le dee della strada.

Quest’anno sono stati i protagonisti delle passerelle. Qual è il tuo preferito?

Tutti meravigliosi, sono una tipa romantica, il più bello rimane il cerchietto che improvvisi, sdraiata su un prato la sera d’estate, con quello che trovi, un ramo di rosmarino qualche foglia di menta e fiori di Gelsomino.

Addosso a quale celebrity ti piacerebbe vedere le tue creazioni?

A tutte! ?

Un modello per il giorno, uno per l’aperitivo e uno per la sera?

Ho fatto una lunga ricerca sui fiori di stoffa orientali, sicurante da giorno consiglierei, un cerchietto con qualche fiore delicato come i Frangipani, dalle tonalità pastello, oppure un cerchietto con orchidee, come lo portava Billie Holiday, per la sera visto il periodo dell’anno consiglio un cerchietto abbandonate di colori e mix di fiori tropicali, garofani Hawaiani, Ibiscus, oppure delle vere e proprie corone fatte di piume e fiori.

Che album sarà quello che uscirà in autunno?

Il mio disco si chiama “Cuore leggero” scritto con Michele Ranauro e prodotto artisticamente  da Taketo Ghora, sarà un album vero e proprio, come un libro, con diversi capitoli, entro ai quali si sviluppano delle piccole “storie” cantate, suonate, un po’ come nel mio primo album, la mia scrittura rimane  per immagini, è stata un esigenza vitale, scrivere di rinascita, amore, del senso salvifico e taumaturgico della natura, ci sono brani come “Foresta Verde” , o come “Polvere” che sono stati suonati e pensati per orchestra, un vero e proprio viaggio sonoro da ascoltare la notte sotto le stelle, ma poi ci sono capitoli allegri, riflessivi , c’e’ Petra che e’ il mio primo brano che uscirà in autunno, è ispirato a un amica brasiliana, in realtà dedicato a tutte le “Petre “del mondo  un inno al femmneo, la fragilità che diventa bellezza e forza, e’ una samba per parlar di ferite e Ibiscus;  ci sono tanti piccoli mondi, i miei, la mia voce, che ho usato e sperimentato in modo diverso. Su ogni brano c’è stato un lavoro lungo, intenso durato 4 anni, sono felice di essere arrivata fino a qui…e ora, c’è solo da andare avanti la strada è lunga, ma anche molto interessante.