fbpx
Lifestyle

La posta del cuore: “Le cose con mio marito andavano bene…”

28 Febbraio 16 / Scritto da:

Alena Seredova risponde
Ciao Alena,
Sono una signora di mezza età (non dico l’età precisa per un vezzo tipicamente femminile, concedimelo). Sono ancora piacente, ho un figlio meraviglioso, Roberto, con ottimi voti al liceo classico. E le cose con mio marito, che è un mio coetaneo, vanno bene. O, per meglio dire, andavano bene fino a poco tempo fa. Negli ultimi tempi lo vedo distratto, pensieroso, assente da casa per motivi di lavoro molto più di prima (lui è un dirigente d’azienda). E soprattutto nell’intimità non è più così passionale e fantasioso (è sempre stato un grande amatore, te lo confesso, arrossendo un po’). Non è più l’uomo che ho sposato. Tu cosa pensi di questo cambiamento? Sono io che mi preoccupo troppo? Che do peso a cose piccole, passeggere? O sono segnali che qualcosa sta cambiando? Che forse da un po’ di tempo c’è un’altra persona, un’altra donna, magari più giovane, che lo…distrae?
Annamaria, Firenze

Cara Annamaria, non preoccuparti. Non aver paura che tuo marito sia differente dall’uomo che hai sposato tanto tempo fa. E’ normale che sia così. E’ la vita. Panta Rei, tutto scorre, a dispetto di ciò che vorremmo. Accade sempre. E non c’è colpa, non c’è responsabilità e nessuna cosa che possa essere fatta per mantenere questo pazzo e magnifico flusso immobile. Come potremmo? E’ la vita che ci rende vivi e ci sospinge in spazi sconosciuti e noi ci sentiamo a volte impotenti, impreparati e spaventati. Questo ci può rendere “diversi” e “distratti” perché dobbiamo in quei casi viaggiare dentro noi stessi per imparare a lasciarci vivere di nuovo. Scrivi che tuo marito è un dirigente d’azienda ed è assente per lavoro. Magari sta attraversando un momento complicato, difficile o semplicemente si sta chiedendo il senso di un lavoro con così tante responsabilità. Magari si sta domandando chi sia e cosa voglia e sta semplicemente facendo quel viaggio, dentro di sé. Non pensare a lui, lo so che può sembrare assurdo quello che ti dico ma … lascialo viandante e cogli l’occasione per fare lo stesso. Pensa alla tua “bellezza” e falla sgorgare. Osserva la vita, senza paura. Non farti imprigionare da gelosia o sospetto. Non cambierebbe nulla, ti distrarrebbe e ti allontanerebbe da lui e da te.
Sono sicura che la prossima volta mi dirai con orgoglio non solo quello che tuo figlio e tuo marito hanno conseguito in termini di risultati. Mi scriverai la tua età e quante cose magnifiche tu abbia fatto e faccia nella tua vita.
Buon viaggio amica cara. Abbi sempre fiducia.

Stupenda Alena,
Ti scrivo perché mia figlia Ludovica, che ha poco più di 17 anni, insiste per andare a trascorrere un fine settimana nella casa sul Lago di Como del suo ragazzo, Marco, che invece ha già 22 anni. Marco è sicuramente un giovane per bene, ma col fuoco, che può avere uno della sua età. Lui è molto più maturo di mia figlia, che è ancora una “bambina”. Sono insieme da 6-7 mesi. Finora si sono visti a feste, con amici, sono stati soli, ma sempre durante il giorno. Ora lui – credo – vuole la prova del fuoco. Credi che per Ludovica sia il momento? Non è forse troppo presto? In fondo è il suo primo “vero” ragazzo.
Stella (una mamma preoccupata), Varese

Cara Stella, sono mamma anch’io e comprendo la tua preoccupazione. I miei figli sono piccoli ma la tua lettera mi ha permesso di vederli in un istante grandi, più grandi e innamorati di una meravigliosa ragazza di 17 anni. Anche loro hanno quello che tu definisci “fuoco”, inteso come passione per la vita e amore per le persone vicine e anche loro hanno una “Stella”, come ce l’ha tua figlia. Le mamme lo sono per sempre, per questo i figli non si sentono mai davvero soli. Noi possiamo inondare il loro cammino di luce e accompagnarli nel viaggio ma sono loro che muovono i passi, alzando ogni tanto lo sguardo al cielo. Abbi fiducia di tua figlia e di te. Credo che Ludovica sappia cosa provi e cosa senta per questo ragazzo e credo sia capace di comprendere cosa fare o no e cosa vivere in questo suo amore. Siamo state giovani tutte e due e sono sicura che proprio ripensando a com’eri alla sua età la lascerai andare, con gioia.