27 SETTEMBRE - Lifestyle

La mostra su “Carosello”: lo spettacolo continua

Scritto da:

Alla Fondazione Magnani-Rocca una mostra sulla storia della Pubblicità

A cura di Virginia Reniero

Ad accoglierci il secolare e sontuoso parco all’inglese di Villa di Mamiano di Traversetolo con i suoi pavoni e alberi secolari che lo ornano.

L’esposizione ci riporta ai primi anni della tv in bianco e nero quando il Carosello si imponeva in maniera divertente ed innovativa come guida all’Italia che si affacciava entusiasta nell’era del comfort consumistico dopo un lungo e difficile periodo post bellico.

Ecco quindi che accanto al manifesto, stampato anche su quotidiani e periodici e principale strumento pubblicitario dai colori sgargianti, arriva un nuovo medium pervasivo: la televisione che fa il suo ingresso ne mondo della pubblicità. La televisione attraverso Carosello arriva dappertutto, nelle case degli italiani, nei bar,  ovunque ci sia un televisore risultando quindi estremamente efficiente poiché non soggetta a limitazioni territoriali.

Con Carosello cambia il modo di fare pubblicità poiché doveva essere un connubio tra spettacolo e reclamizzazione aprendo la strada verso una nuova sociologia dei consumi che per certi versi appare come un’educazione di massa al consumo attraverso canzoncine, slogan, i cartoon  e personaggi inconfondibili come il ben noto Calimero, ormai associato di default ad un famoso detersivo.

Durante il percorso della mostra si possono vedere molti bozzetti e manifesti realizzati dal famoso studio di Armando Testa che esprimono al primo sguardo il messaggio che vogliono veicolare grazie alla sapiente opera di sintesi comunicativa o l’animazione come per la pubblicità televisiva del caffè Paulista con i pupazzi che molti ricorderanno. Un percorso, a mio avviso, ricco di colore ed emozioni che ci riporta agli albori del consumismo sotto però una prospettiva divertente ed estremamente giocosa, quando si stavano delineando gli stereotipi sociali che ancora oggi ci sono ed evolvono in linea con i media e le tendenze proposte.

 

Articoli correlati: