03 DICEMBRE - Lifestyle

“Il gioco del suggeritore”: il nuovo libro di Donato Carrisi

Scritto da:

Nelle librerie da lunedì 3 dicembre

Torna il libreria Donato Carrisi con il suo nuovo libro “Il gioco del suggeritore” (edito da Longanesi) e lo fa a dieci anni di distanza dal suo romanzo d’esordio “Il Suggeritore“.

Carrisi illustra un nuovo campo d’azione per un “suggeritore”, un killer subliminale capace di manipolare le emozioni altrui: la Rete. Perché non esiste un territorio di caccia più vasto e insidioso di Internet.

Nella sua continua ricerca sul Male e sulle mutevoli forme attraverso le quali esiste e si manifesta, l’autore pugliese ha ambientato il nuovo romanzo nel mondo reale e in quello virtuale dove trascorriamo gran parte della nostra vita.

View this post on Instagram

Manca sempre meno al ritorno di @DonatoCarrisi! #IIgiocodelsuggeritore, da lunedì 3 dicembre in libreria! _________ #Longanesi #libro #libri #libridaleggere #leggere #italia #autori #book #libriconsigliati #bookstagram #books #consiglidilettura #thriller #lovebooks #instagood #library #bookworm #instabook #bookaddict #literature #bookoftheday #donatocarrisi

A post shared by Longanesi Libri (@longanesi_editore) on

Sinossi:

La chiamata al numero della polizia fu registrata alle diciannove e quarantasette del 23 febbraio. Una voce di donna al cellulare chiedeva con tono concitato l’invio di una pattuglia presso una fattoria isolata, a una quindicina di chilometri della città.

In quel momento, sulla zona imperversava un violento temporale.

Alla domanda dell’operatore sul motivo dell’emergenza, la donna rispose che un uomo si era introdotto nella proprietà. Stazionava all’esterno, sotto la pioggia, al buio. Il marito era uscito per convincerlo ad andarsene, ma l’intruso non voleva saperne.

Se ne stava fermo a fissare la casa, muto.”

Qualcosa di sconvolgente è successo, qualcosa che lascia gli investigatori senza alcuna risposta possibile – soltanto un enigma. C’è un’unica persona in grado di svelare il messaggio celato dentro al male, ma quella persona non è più una poliziotta. Ha lasciato il suo lavoro di cacciatrice di persone scomparse e si è ritirata a vivere un’esistenza isolata in riva a un lago, con la sola compagnia della figlia Alice. Tuttavia, quando viene chiamata direttamente in causa, Mila Vasquez non può sottrarsi. Perché questa indagine la riguarda da vicino. Più di quanto lei stessa creda.

Articoli correlati: